“Fini e Bersani sembravano le vallette di Fazio e Saviano”. Minoli critico su Vieni via con me

Pubblicato il 19 Novembre 2010 18:13 | Ultimo aggiornamento: 19 Novembre 2010 18:13

«Bersani e Fini da Fazio, al di là delle loro intenzioni, sono il segnale della morte della politica: si sono trasformati in vallette di Fazio e Saviano»: è stato questo il duro commento di Giovanni Minoli sull’intervento dei due politicia a Vieni via con me.

Il presentatore si è detto convinto del fatto che, ormai, la «la televisione ha divorato la politica». E i leader del Pd e di Fli, ospiti da Fazio a Vieni via con me «leggendo le loro liste, si sono trasformati in vallette di Fazio e Saviano».

Minoli, poi, parlando con Corriere.it del fatto che Vieni via con me su Raitre abbia battuto Il grande fratello, ha fatto presente che «ha comunque vinto Berlusconi, nel senso che è l’azionista di Endemol, la società che produce sia il programma di Fazio che Il Grande fratello».

Di fatto, in ogni caso, secondo Minoli la colpa non è imputabile ad altri se non alla Rai che «dovrebbe smetterla di comprare format dalle società estere e fare come Marchionne che ha rispolverato un marchio storico come la Cinquecento e ne ha fatto un grandissimo successo». Anche perché, secondo Minoli, la Rai è piena di Cinquecento nei suoi archivi, basta mettersi a cercare in archivio e lavorarci».

Minoli, infine, non ha lesinato frecciate alla dirigenza Rai, e ha dichiarato: «Il miglior direttore generale della Rai? Quello con cui non ho lavorato, Ettore Bernabei. Il miglior presidente? Quello che non ho mai avuto»