Fiorello da Amadeus a I soliti ignoti: “Questo è il nostro ultimo abbraccio su Rai1” VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 11 Febbraio 2020 10:30 | Ultimo aggiornamento: 11 Febbraio 2020 10:30
Fiorello da Amadeus a I soliti ignoti: "Questo è il nostro ultimo abbraccio su Rai1" VIDEO

Fiorello da Amadeus a I soliti ignoti

ROMA  –  Fiorello e Amadeus ancora insieme. E’ successo negli studi de I soliti ignoti, su Rai Uno. Lo showman siciliano ha fatto una nuova incursione nel programma del direttore artistico e conduttore del Festival, e ancora una volta lo ha fatto con la parrucca a caschetto biondo da Maria De Filippi già indossata sul palco dell’Ariston a Sanremo 2020. 

Mentre Amadeus, ignaro di tutto, stava conducendo il suo programma pre-serale e aveva appena presentato ai concorrenti presenti in studio l’ospite speciale, Diodato, novello vincitore del Festival, Fiorello è arrivato da dietro le quinte: “Eccomi, sono il Solito ignoto – ha esordito, per poi spiegare – . Il cerchio si chiuderà questa sera dopo di che, te lo dico davanti a tutti, non ci vedremo mai più, non in tv almeno. La nostra amicizia finisce qui! Mi sono rivisto! Per te ho fatto la De Filippi, il prete, il coniglio e la De Filippi insieme, ho inseguito Morgan che inseguiva Bugo che inseguiva Morgan per tutto l’Ariston. Mi sono abbioccato dietro le quinte, ho bevuto thermos di caffè per restare sveglio. Questo è il nostro ultimo abbraccio su Rai1”.

Quel che è certo è che Fiorello è stato entusiasta della sua partecipazione alla kermesse musicale, ma non intende ripetere l’esperienza. Il motivo lo ha spiegato su Instagram, rivolgendosi anche all’amico e conduttore del Festival: “Un’esperienza bellissima che non ripeterò l’anno prossimo. Questo è proprio sicuro. Per come la vedo io, per quanto mi riguarda, le cose belle non vanno ripetute. È stata una cosa bellissima. Io non pensavo potesse riuscire così. Che potresti fare di più l’anno prossimo? Solo peggiorare. Più di quello che abbiamo fatto, più di inseguire Morgan che inseguiva Bugo. Mi è piaciuto talmente tanto che io tornerei ma le cose non sono mai uguali e i secondi festival vengono sempre peggio. Lo dice la storia. Tranne Carlo Conti. Lascio il passo ad altri. Ora Amadeus sta decidendo lui se fare l’Amadeus bis. Ma sappia che non mi può chiamare. Amadeus poi non mi puoi venire a dire: ‘sai, sei mio amico, vieni con me. Non gliela posso fà, c’ho un’età”. (Fonti: I soliti ignoti, Instagram, YouTube)