Jacchia indagato per evasione fiscale: hanno venduto film di Totò

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 luglio 2013 6:26 | Ultimo aggiornamento: 19 dicembre 2017 16:28
Jacchia indagato per evasione fiscale: hanno venduto film di Totò

Jacchia indagato per evasione fiscale: hanno venduto film di Totò

ROMA – Alessandro Jacchia ha venduto i diritti dei film di Totò ed ora è indagato per evasione fiscale. Jacchia, produttore di Beppe Fiorello e titolare della Albatross Entertainment, avrebbe nascosto al fisco ben 21 milioni di euro, evadendo il pagamento di 2 milioni di euro di Iva.

“DIRITTI VENDUTI” – Una vendita fasulla, scrive Lavinia Di Gianvinto sul Corriere della Sera, perché i diritti d’autore dei 133 film appartengono alla Rai e non alla società indagata. Tra gli autori non solo Totò, scrive la Di Gianvinto:

“Nell’elenco compaiono pezzi di storia del cinema italiano, tra cui «Totò al giro d’Italia», «Totò nella fossa dei leoni» e «Totò Le Mokò». E film degli anni Trenta e Quaranta con attori celebri, da «Amore tzigano» con Katherine Hepburn a «Castelli in aria» con Vittorio De Sica, da «Non mi muovo» con Eduardo De Filippo a «Cerco il mio amore» con Fred Astaire e Ginger Rogers, da «Casa dei nostri» con Cary Grant a «Esploratore scomparso» con Spencer Tracy, da «Jess il bandito» con Tyrone Power a «L’ultima carrozzella» con Anna Magnani e Aldo Fabrizi”.

La Finanza ha ricostruito la vendita dei diritti d’autore, che sarebbero stati acquistati da un imprenditore in Pakistan per 10 milioni di euro, mente gli altri sono finiti a Magnolia, con un guadagno di altri 11 milioni di euro per Jacchia dalla società americana Shallcross International.

LE INDAGINI – A far scattare le indagini i controlli della Finanza, che nel 2008 notarono le case all’Eur e al pantheon acquistate da Jacchia. Le case sono state sequestrate su ordine del procuratore aggiunto di Roma Pierfilippo Laviani e il pm Mario Dovinola hanno , che hanno aperto un’inchiesta. Se fosse necessario, le case che valgono 2 milioni di euro saranno confiscate come garanzia del credito all’erario.

JACCHIA E BEPPE FIORELLO – Jacchia, 53 anni, è stato a capo della Albatros dal 2002, anno della sua fondazione, spiega la Di Gianvinto:

“L’Albatross di Jacchia, nata nel 2002, ha prodotto fiction e miniserie famose, tra cui «Lo scandalo della Banca romana», «La vita rubata» e «L’uomo sbagliato» con Beppe Fiorello; «L’amore e la guerra» insieme a RTI-Mediaset; «L’uomo che sognava con le aquile» e «L’uomo che cavalcava nel buio» con Terence Hill; «Operazione pilota» con Massimo Ranieri; «Il bene e il male»; «L’isola dei segreti» con la regia di Ricky Tognazzi.

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other