Giannini a Renzi Rambo: a Ballarò siamo giornalisti e se…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 Settembre 2015 12:46 | Ultimo aggiornamento: 23 Settembre 2015 12:47
Giannini a Renzi Rambo: A Ballarò siamo giornalisti e se...

Massimo Giannini a Ballarò

ROMA – “Talk show peggio di Rambo“? Massimo Giannini, conduttore di “Ballarò”, replica all’accusa del presidente del Consiglio: “Noi facciamo giornalismo. Se raccontiamo quello che non funziona è perché quella è la realtà”.

L’ex vicedirettore di Repubblica ha aperto l’ultima puntata del suo programma rispondendo subito a quanto detto da Matteo Renzi alla direzione del Pd: “Non c’è da imporre il nostro discorso ai talk show, aveva detto il presidente del Consiglio lunedì sera. Guardate martedì scorso: se tutti e due i talk show (Ballarò e Di martedì, ndr) fanno meno ascolti della centosettesima replica di Rambo…. evidentemente replica per replica, emozioni già viste per emozioni già viste, almeno si guarda la storia scritta meglio”.

Un’accusa rivolta esplicitamente ai programmi di Giannini e di Giovanni Floris, che proprio dopo un diverbio in studio con il premier passò a La7. Renzi ha escluso dalla sua critica i talk show delle altre serate, come “Quinta Colonna” di Paolo Del Debbio, “Porta a Porta” di Bruno Vespa, “Virus” di Nicola Porro. A quelle trasmissioni lui ha partecipato più volte. Mai al nuovo “Ballarò” e a “Di martedì”, come fa notare il Fatto Quotidiano.

Così, dopo l’accusa di fare programmi peggio delle repliche di Rambo, Giannini ha risposto appena ne ha avuto occasione: “Noi facciamo giornalismo con onestà e senza pregiudizi. La nostra missione è informare l’opinione pubblica, mettendo in luce zone d’ombra e le contraddizioni che albergano in tutti i poteri. Non facciamo narrazione, raccontiamo la realtà. Si dice che i talk siano in crisi, ma in Italia è in crisi la rappresentanza. Pensare che sia solo un problema di talk, è come spezzare il termometro e non curare la malattia”. Infine l’invito al premier: “Venga a Ballarò”.

 

Gli ascolti del 22 settembre, comunque, confermano lo scarso successo di pubblico dei talk show del martedì. Il programma più seguito è stata la fiction di Rai1 “Grand Hotel”, con quasi quattro milioni di spettatori e il 16.38% di share, seguito da “L’onore e il rispetto 4”, che su Canale 5 ha ottenuto 3 milioni 617 mila e il 15.71%. La sfida tra i talk show finisce con un sostanziale testa a testa fra “Ballarò” (che prevale in valori assoluti, con 993 mila spettatori e il 4.41%, in calo rispetto a martedì scorso) e “diMartedì” su La7 (924 mila spettatori e uno share leggermente superiore, il 4.74%, in risalita su una settimana fa).