Giorgia Meloni: “Imagine di John Lennon? E’ l’inno dell’omologazione mondialista”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 Luglio 2020 11:27 | Ultimo aggiornamento: 22 Luglio 2020 11:27
Giorgia Meloni, In Onda

Giorgia Meloni: “Imagine di John Lennon? E’ l’inno dell’omologazione mondialista”

Giorgia Meloni: “Imagine di John Lennon? E’ l’inno dell’omologazione mondialista”.

Ospite della trasmissione In Onda, Giorgia Meloni, rispondendo alle domande di David Parenzo e Luca Telese, ha detto che Imagine di John Lennon non le piace:

“Niente religioni, niente confini… è l’inno dell’omologazione mondialista. Io credo nell’identità, senza di essa siamo solo consumatori tutti uguali delle multinazionali”.

E ancora:

“Poi è una bellissima canzone, se uno non capisse l’inglese e quindi non comprendesse il testo, allora la canzone è fantastica.

Ma se uno legge il testo… io penso che un mondo senza identità non sia un mio prototipo.

Credo che l’identità sia tutto quello che abbiamo, e quindi credo nel valore dell’identità delle nazioni, dell’identità religiosa, dell’identità familiare… delle identità.

Perché è quello che siamo, senza siamo solo degli ottimi consumatori per le multinazionali che ci vogliono vendere lo stesso prodotto”.

Le parole della Meloni arrivano qualche giorno dopo quelle di Susanna Ceccardi che ha definito la canzone di John Lennon “marxista”:

“Alcune persone di sinistra son così – le parole della Ceccardi – non puoi toccargli i loro mostri sacri. Io che appartengo culturalmente all’area liberale invece metto in discussione tutto, e mi piace cercare la verità, anche se non piace. Immagina…”. (Fonte: In Onda).