Gli Angelucci chiedono 65 milioni di risarcimento ad Annozero per danni di immagine

Pubblicato il 7 Maggio 2010 18:15 | Ultimo aggiornamento: 7 Maggio 2010 18:23

Antonio e Giampaolo Angelucci hanno chiesto un risarcimento di 65 milioni di euro ad Annozero per un’inchiesta andata in onda l’11 febbraio scorso. Lo riporta ‘Il Fatto quotidiano’, precisando che gli imprenditori della sanità privata laziale e abruzzese giustificano la cifra con i danni di immagine e chiedono, oltre al risarcimento, che Michele Santoro e la giornalista Giulia Bosetti rettifichino quanto riportato.

Nella puntata – ricorda il quotidiano – la figlia di una paziente e un ex dipendente di una delle cliniche degli Angelucci sostengono, tra l’altro, che nella struttura “i pasti non erano mai per tutti”, che “mancava la carta igienica” e che “un paziente che abbia avuto un’ora di trattamento non esiste”.

Nella querela – si legge ancora nell’articolo – gli Angelucci sostengono che le affermazioni non hanno “il benché mimino fondamento di verità” e che i giornalisti di Annozero avrebbero dovuto mettere in discussione l'”aggressione immotivata e ingiustificata” delle persone intervistate.