“Gomorra – La Serie”, anticipazioni prima e seconda puntata 6 maggio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 Maggio 2014 10:17 | Ultimo aggiornamento: 6 Maggio 2014 10:18
al via la serie “Gomorra”, da un’idea di Roberto Saviano

“Gomorra – La Serie”

ROMA – Questa sera, martedì 6 maggio, alle 21:10 su Sky Atlantic e Sky Cinema 1 inizia “Gomorra – La serie”, il kolossal tv in 12 episodi da un’ora, che Sky ha realizzato con due tra le maggiori società italiane di produzione televisiva e cinematografica, Cattleya e Fandango, in collaborazione con La7 e in associazione con Beta Film.

La serie andrà in onda tutti i martedì alle 21.10 su Sky Atlantic HD e Sky Cinema 1HD con due episodi a sera, e sarà interamente disponibile su Sky Go e Sky On Demand. Per la regia di Stefano Sollima, regista della serie cult Romanzo Criminale che cura anche la supervisione artistica), Francesca Comencini (Lo spazio bianco; Un giorno speciale) e Claudio Cupellini (Lezioni di cioccolato; Una vita tranquilla), “Gomorra – La serie” schiera un cast di attori legati al territorio, con esordienti che si mischiano ad attori professionisti: Marco D’Amore, Fortunato Cerlino, Maria Pia Calzone, Salvatore Esposito, Marco Palvetti, Domenico Balsamo e tanti altri.

Prima ancora del suo debutto televisivo “Gomorra – La Serie” ha destato l’interesse dei principali mercati televisivi internazionali – venduta in oltre 40 paesi, tra cui gli Stati Uniti – e raccolto sui social network commenti entusiastici degli addetti ai lavori: ‘la miglior serie tv italiana comparsa fino ad ora’, ‘La TV italiana che vogliamo’, ‘Preparatevi a un appuntamento irrinunciabile’, ‘Un capolavoro’.

Nel primo episodio Ciro, il soldato più fedele e coraggioso del boss Pietro Savastano, ha il compito di consegnare un’intimidazione a Salvatore Conte, boss di un clan avversario, responsabile di ostacolare gli affari di Savastano. L’agguato genera una risposta ancora più violenta e dà inizio a una sanguinosa guerra tra clan. Intanto Genny, unico figlio ed erede di Pietro, è tenuto ai margini perché ritenuto non ancora pronto a gestire gli affari criminali del clan.

Nel secondo episodio la Finanza scopre e sequestra un carico di cocaina nascosto in un grosso mercantile presso il Porto di Napoli. La “roba” è di Pietro Savastano. Il boss, furioso, vuole scoprire chi dei suoi uomini ha fatto la soffiata, ma deve contemporaneamente occuparsi del figlio Genny che deve ispessire la corazza e perdere l’innocenza di ragazzino viziato. A Ciro il compito di iniziare il figlio del boss alla malavita.