Strage Dropped, Catherine Spaak: “Non posso parlare, tragedia annunciata”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 Marzo 2015 14:44 | Ultimo aggiornamento: 12 Marzo 2015 9:27
Strage Dropped, Catherine Spaak: "Non posso parlare, tragedia annunciata"

Strage Dropped, Catherine Spaak: “Non posso parlare, tragedia annunciata”

ROMA – “Non posso parlare…ma è una tragedia annunciata”. Catherine Spaak non era tra i concorrenti del reality francese Dropped, ma un reality l’ha vissuto da protagonista: L’Isola dei Famosi, versione italiana. Ha abbandonato subito tra le polemiche perché riteneva fosse pericoloso. Pericoloso come il reality francese in cui sono morte 10 persone, tra cui alcuni concorrenti? Non può parlare, dice lei, ma qualcosa lascia intendere:

“Sono addolorata per quanto accaduto in Argentina. Il mio pensiero va alle famiglie di questi giovani uomini e donne. Sono stata ampiamente criticata dalla stampa per la mia scelta di abbandonare L’Isola dei famosi e sono legata fino al termine della trasmissione a un contratto blindato che mi obbliga alla riservatezza”. “Posso semplicemente dire una cosa: è un tragedia annunciata, questo sì voglio dirlo, per il resto preferisco non entrare nel dettaglio, ho già avuto troppi problemi”. L’attrice aveva abbandonato L’Isola, denunciando anche in studio di aver avuto paura di rischiare la vita in una traversata con il mare agitato. Il ritiro della Spaak era stato criticato soprattutto sui social come “ricerca gratuita di pubblicità”. “Me ne sono andata – aveva spiegato in studio una volta rientrata in Italia – perché ho avuto paura di morire. La vita è sacra e non vale la pena rischiare di morire per un gioco!”.

La Spaak parla all’Ansa. “Signora Spaak, ma che cosa è successo esattamente? Lei ha ha abbandonato L’Isola dei Famosi dopo che una tempesta tropicale ha costretto a rinviare l’inizio del reality italiano. Ha dichiarato di aver avuto un terrore profondo che non le ha permesso di continuare. O forse ha deciso che la propria vita non valeva un reality?”, chiede Nicoletta Tamberlich.

“Ripeto – ribadisce Spaak -, sono legata a un contratto con Magnolia, ho avuto già troppi problemi e fino al al termine della trasmissione non posso rilasciare ulteriori dichiarazioni. Forse dopo. Ma in fondo ho spiegato a cosa erano dovuti i miei legittimi timori. Ho motivato la mia decisione di tornare in Italia davanti alle telecamere quando ero sull’Isola e in studio. Sono stata attaccata anche dalla stampa”.

Sempre su Dropped, nella versione indiana, si registra nel 2013 la morte in diretta di un concorrente in diretta: Saliendra Nath Royche fu stroncato da un infarto durante una prova estrema che prevedeva il guado di un fiume appeso per i capelli su un cavo metallico. Ed è del 2006 la morte dell’australiano Steve Irwin, noto come “Mr. Crocodile”, ucciso da una puntura di una razza mentre girava un documentario della serie “Crocodile Hunter” in cui si avvicinava a qualsiasi animale feroce e pericoloso.