Ines Trocchia: “Ecco le richieste più strane che mi arrivano su Instagram”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 Giugno 2019 14:44 | Ultimo aggiornamento: 9 Giugno 2019 20:41
Ines Trocchia: "Ecco le richieste più strane che mi arrivano su Instagram" (foto Instagram)

Ines Trocchia: “Ecco le richieste più strane che mi arrivano su Instagram” (foto Instagram)

ROMA – La modella Ines Trocchia, intervistata da “I Lunatici”, ha svelato alcune delle bizzarre richieste che le hanno rivolto alcuni follower su Instagram: “Le cose più strane che mi chiedono? Sempre più persone impazziscono per i piedi e offrono soldi per avere foto dei piedi o scarpe usate. Alcuni chiedono anche le mutande, sempre usate. Anzi, da quello che ho capito, più sono usate, più sono disposti a pagarle. Ultimamente qualcuno mi ha scritto che sarebbe disposto a pagare cifre folli anche solo per sentire la mia voce. E poi non mancano mai quelli che vogliono farsi schiavizzare”.

Ines Trocchia, poi, ha raccontato di una proposta indecente ricevuta da un produttore: “Proposte indecenti? Io credo che chi ha realmente potere fa certe proposte solo quando si rende conto che dall’altra parte verrebbero accettate. Quindi non me ne sono capitate tante. Una, però, decisamente strana, l’ho subita. Stavo parlando al telefono con un produttore italiano, un po’ avanti con gli anni. Mi ha offerto benefit, cose tipo un appartamento, uno stipendio fisso, favori, se avessi accettato di fare la sua moglie di facciata. Cioè, avremmo dovuto far finta di essere sposati. Avrei dovuto accompagnarlo, dire che ero sua moglie. Da quello che ho capito, non gli interessava consumare questo finto matrimonio. Doveva essere solo una cosa di facciata. Mi sono fatta una risata e ovviamente ho lasciato cadere la proposta”.

“Ormai – dice la modella – gli uomini che ci provano quando incontrano una bella donna sono sempre di meno. E più sei bella, più incuti soggezione. Ci provano di più le donne. Se mi capita di essere un locale da sola, ci provano più donne che uomini. Capisci che hanno un secondo fine quando magari ti invitano a ballare e allungano le mani”.

Fonte: I Lunatici.