Isola dei Famosi, Jo Squillo ha rischiato di morire? L’indiscrezione di Fabrizio Corona

di Filippo Limoncelli
Pubblicato il 18 marzo 2019 19:25 | Ultimo aggiornamento: 18 marzo 2019 19:25
isola jo squillo

Isola dei Famosi, Jo Squillo ha rischiato di morire? L’indiscrezione di Fabrizio Corona

ROMA – Jo Squillo ha rischiato di morire sull’Isola dei Famosi. Questo è ciò che sostiene il magazine diretto da Fabrizio Corona. Ma cosa è successo? Il “fattaccio” sarebbe accaduto poco prima che la cantante abbandonasse l’Isola dei Famosi, dopo essersi rotta l’osso del piede. L’ex concorrente ha lasciato l’Honduras per il suo problema alla caviglia ed infatti, ancora oggi deve muoversi con le stampelle. 

“Tutto questo è partito da un suo semplice slogamento e seguito da un disastroso errore della produzione – si legge sul sito di Corona -. Infatti dopo il problema alla caviglia la produzione ha tentato di aiutarla utilizzando dei medicinali. L’errore clamoroso è stato che le medicine erano troppo forti, cosa che sommatasi alla sua condizione di quasi digiuno, viste le razioni di cibo minime del programma, hanno provocato in lei un vero e proprio collasso”.

 Jo Squillo quindi, per via delle fortissime medicine somministratole, avrebbe rischiato la vita. Questo almeno, ciò che si legge sul sito di Corona Magazine. “La situazione era critica, Jo Squillo ha rischiato di perdere la vita per questo errore, ma per fortuna sembra essere stata salvata in tempo per evitare la tragedia. I medici hanno infatti provveduto a risolvere la sua situazione e adesso l’isolana non sembra essere più in pericolo di vita”.

Per l’esperta di moda, questo è un periodo particolarmente difficoltoso ed infatti, prima di partecipare all’Isola dei Famosi ha dovuto affrontare la perdita sia della mamma che del papà a distanza di appena un mese. Con l’arrivo in Honduras ha cercato di distrarsi un poco, grazie anche all’affetto dei naufraghi. Poi l’incidente improvviso e il rischio drammatico di perdere la vita, almeno secondo ciò che si legge sul portale di Corona. (fonte: Corona Magazine)