Le Iene, abusata a 10 anni dal prete registra tutto. Lui viene sospeso ma nega: “Solo zizzanie”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Novembre 2019 9:25 | Ultimo aggiornamento: 4 Novembre 2019 10:03
Le Iene, abusata a 10 anni dal prete registra tutto. Lui viene sospeso ma nega: "Solo zizzanie"

Il servizio de Le Iene

ROMA – Nina Palmieri porta a Le Iene la storia di una bambina di undici anni che racconta di essere stata abusata dal prete (quando lei di anni ne aveva 10), prete che frequentava la sua famiglia. La bambina racconta di adulti che non credono a quello che lei racconta e che per questo ha dovuto documentare gli abusi con il telefonino. Durante uno di quegli incontri nella casa del prete, proprio sopra la chiesa, il parroco le dice: “Lo sai che ti voglio bene? Vuoi un bacino?”. Lei allora gli dice “basta”, ma lui insiste: “Abbracciami, baciami, dobbiamo fare le cose per bene”.

La bimba aveva provato a parlare di quelle violenze, avvenute quando aveva 10 anni, con alcuni parrocchiani. Ma loro le dicono che magari si tratta di effusioni normali e lei allora non lascia alcun dubbio e risponde: “No, mi bacia sulla bocca”.

Passano altri mesi e poi, a febbraio scorso c’è un nuovo incontro, durante il quale la bambina decide di affrontare il prete: “Quelle cose che noi facciamo, gradirei non continuare”, gli dice ma lui liquida il tutto come “una storiella”. “Così tu mi consideri una specie di malato mentale se mi tratti così”, le dice. “Non vorrei che tu mi vedi come uno che fa violenza ai bambini…” aggiunge il prete.

Qualche settimana dopo la bambina confessa al prete di aver raccontato di quegli abusi a due parrocchiani e lui allora decide di andare a parlare con i genitori della ragazzina. Quando il parroco li incontra, alla presenza della bambina che continua a registrare, si difende così: “Tutti i bambini vengono vicino a me, mi danno un bacino e se ne vanno”. E la rimprovera: “Le bugie le sai dire. Mi hai capito che le bugie le sai dire? Sei come i kamikaze islamici, buttano una bomba, uccidono la gente e se ne vanno”. 

La mamma della bambina se la prende con lei e la minaccia di portarla in un istituto. E così il prete intima alla bimba di non parlarne più: “Puoi dire che tu hai inventato tutto al limite? Tutto, che io ti portavo nella stanza da letto… tutto. Allora… Noi togliamo questo casino di mezzo… noi facciamo finta che non è mai successo, non ne parliamo più ok?”.

Ma dopo qualche mese la madre va dal vescovo per denunciare quanto accaduto alla figlia, mentre il prete sarebbe stato sospeso dal suo ruolo di parroco ma, come detto da lui durante un colloquio con Nina Palmieri, è stato interdetto perché sono state dette “queste zizzanie”.

Fonte: LE IENE