Le Iene, scherzo a Alessio Cragno: il finto giro di calcioscommesse con la mafia russa…

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 22 Ottobre 2020 13:01 | Ultimo aggiornamento: 22 Ottobre 2020 13:01
Le Iene, scherzo a Alessio Cragno: il finto giro di calcioscommesse la mafia russa...

Le Iene, scherzo a Alessio Cragno: il finto giro di calcioscommesse con la mafia russa… (foto Ansa)

Le Iene hanno fatto uno scherzo ad Alessio Cragno con la complicità di Pavoletti e Joao Pedro.

Alessio Cragno è rimasto vittima di uno scherzo de Le Iene grazie alla complicità dei compagni di squadra nel Cagliari Joao Pedro e Pavoletti (qui il video).

I due attaccanti lo hanno invitato a cena per convincerlo ad aderire ad un giro di calcioscommesse gestito dalla mafia russa. 

Per convincerlo, gli hanno prospettato enormi guadagni. Joao Pedro gli ha fatto vedere una villa dai 6 milioni di euro che gli è stata donata dal fantomatico boss russo Vladimir.

Una volta usciti dal ristorante,  i due centravanti del Cagliari, con una scusa, hanno portato Cragno nella dimora del finto  boss. 

I due calciatori vogliono coinvolgere Cragno perché devono recuperare dei soldi per partite combinate che non sono andate in porto. 

Una volta usciti dall’abitazione del finto boss russo, Cragno si è rivolto ai compagni di squadra praticamente in lacrime: 

“Io non giudico nessuno, non voglio farlo e non mi interessa. Ma voi andate a casa  e dormite  tranquilli adesso? Fossi in voi  tornerei nella  casa e gli direi: ora basta, non mi cercare più”. 

Per fortuna si trattava solamente di uno scherzo de Le Iene. Nel video tutti i protagonisti, Cragno, Pedro e Pavoletti, condannano fermamente il calcioscommesse.