Le Iene, Francesco Sicignano e il Kanun: il servizio di Luigi Pelazza

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 febbraio 2019 12:13 | Ultimo aggiornamento: 11 febbraio 2019 12:13
Le Iene, Francesco Sicignano e il Kanun: il servizio di Luigi Pelazza

Le Iene, Francesco Sicignano e il Kanun: il servizio di Luigi Pelazza

ROMA – Francesco Sicignano ha ucciso un rapinatore albanese che gli era entrato in casa di notte.  Il Gip archiviò il caso per legittima difesa. “Le Iene”, in queste settimane, si sono occupate del caso. Su Sicignano, infatti, spiega la “Iena” Luigi Pelazza pesa la possibile vendetta della famiglia del rapinatore albanese.

La vendetta del Kanun, un codice di comportamento terribile e arcaico che ancora oggi esiste in parti dell’Albania, come racconta Luigi Pelazza nel suo servizio del 27 gennaio 2019. Secondo questa legge medioevale, spiega Pelazza, il sangue va lavato con il sangue. Solo l’intervento di un intermediario può a volte cambiare il destino.

“È molto evidente – spiega un intermediario che in Albania si occupa proprio di questi casi –  che la famiglia soffre a causa di questa vicenda. In questo caso il Kanun dice che esiste la possibilità di perdonare”.

“Il padre del ragazzo ucciso – spiega – potrebbe voler incontrare Francesco in quel caso dovremo andare in Albania. Se verrai con me sarai sotto la mia responsabilità e non potrà accaderti nulla finché non tornerai a casa. Perché se dovesse succederti qualcosa io verrei disonorato”. E in effetti quando Pelazza va in Albania il padre del ragazzo ucciso chiede due cose: un incontro e, soprattutto, soldi. 

Sicignano però alla fine, contattato da Pelazza, si rifiuta di sottostare al ricatto. 

Questo il servizio delle Iene: https://www.iene.mediaset.it/2019/news/kanun-condanna-morte-vendetta-perdono-sangue-anticipazione_297654.shtml