L’Isola dei Famosi, Riccardo Fogli sul suicidio del partecipante al Jeremy Kyle Show

di redazione Blitz
Pubblicato il 16 Maggio 2019 15:04 | Ultimo aggiornamento: 16 Maggio 2019 15:04
L'Isola dei Famosi, Riccardo Fogli sul suicidio del partecipante al Jeremy Kyle Show

L’Isola dei Famosi, Riccardo Fogli sul suicidio del partecipante al Jeremy Kyle Show

ROMA – “Non conosco la storia di quest’uomo che si è tolto la vita e non ne so nulla, dunque non mi permetto di parlarne. Ho vissuto cose forti e spiacevoli che voglio dimenticare”: Riccardo Fogli commenta così la storia a cui, volenti o nolenti, molti italiani l’hanno accostato negli ultimi giorni. Ovvero quella di Steve Dymond, inglese di 63 anni che si è tolto la vita dopo non essere riuscito a dimostrare alla moglie durante il Jeremy Kyle Show di non averla tradita.

Anche Fogli è stato coinvolto in una storia di presunti tradimenti andata in onda in diretta tv. Ad accusare la moglie di Fogli, Karin Trentini, di infedeltà, Fabrizio Corona, l’ex paparazzo poi finito in carcere. A fare da sfondo, lo studio de L’Isola dei Famosi, un altro reality show sull’onda della trash tv dilagante, che getta sulla pubblica piazza televisiva tutti i possibili scheletri, reali o meno poco importa, tratti dagli armadi di gente comune. 

Intervistato brevemente al telefono da Michela Tamburrino de La Stampa, Fogli, con classe rara di questi tempi, ha commentato la vicenda del suo quasi omologo: “Non conosco la storia di quest’uomo che si è tolto la vita e non ne so nulla, dunque non mi permetto di parlarne. Ho vissuto cose forti e spiacevoli che voglio dimenticare. Le voglio dimenticare io e le persone a cui sono legato”, ha detto.

Ai dubbi morbosi di tanta gente l’ex frontman dei Pooh risponde con un dignitosissimo silenzio: “Io non voglio mai più pronunciare alcuni nomi come quello di Corona e di alcuni altri. Non voglio espormi e quando vado ospite in trasmissioni chiedo esplicitamente che non mi si chieda nulla sull’Isola dei famosi. Ho il diritto di non dire niente e mai azzarderei giudizi avventati che possano ledere persone e produzioni di show. Sono andato di mia spontanea volontà, sono stato trattato benissimo e sono stato pagato profumatamente per quell’avventura”. (Fonte: La Stampa)