Luigi Favoloso, peto in faccia ad Aida Nizar: altra vergogna al Grande Fratello

Pubblicato il 28 aprile 2018 16:06 | Ultimo aggiornamento: 28 aprile 2018 16:06
Luigi Favoloso, peto in faccia ad Aida Nizar: altra vergogna al Grande Fratello

Luigi Favoloso, peto in faccia ad Aida Nizar: altra vergogna al Grande Fratello

ROMA – Ancora tutti contro la povera Aida Nizar, l’ultima entrata nella casa del Grande Fratello. Aida infatti sembra essere diventata il bersaglio degli altri concorrenti del reality. L’ultimo episodio risale a venerdì sera, quando la spagnola stava chiacchierando tranquillamente sul divano con Alberto (detto Tarzan), quando Luigi Favoloso, passando a pochi passi, ha lasciato andare un peto, a quanto pare in modo goliardico, all’indirizzo della donna che è rimasta incredula, chiedendo agli altri se quello fosse un comportamento normale. Replica finissima: “Scusa, io non posso fa’ un peto per farmi una risata ma lei può sbrattà?”.

Vergognosa la complicità del gruppo che non riesce a sopportare la Nizar: la questione, nei giorni scorsi, ha fatto infuriare anche Barbara D’Urso. Il web ha intanto avviato una petizione per almeno tre squalifiche: Baye Dame, Danilo Aquino e Luigi Favoloso. Ma anche le donne meriterebbero l’espulsione, a detta di molti. A questo punto la produzione potrebbe intervenire per mettere fine a questi atti di bullismo con l’espulsione dei concorrenti protagonisti di queste vessazioni.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Per Aida, il Grande Fratello italiano si sta trasformando in una tortura. Due notti fa, lei e Alberto Merzetti, l’unico che sta dalla sua parte, sono stati accerchiati dal branco e sono stati spinti a suon di urla in due angoli della piscina.

Simone Coccia, a proposito della vicenda aveva detto: “E’ grave quello che è successo”. Alberto Merzetti aveva aggiunto: “In 34 anni di vita non mi era mai successo, io dicevo basta, basta, ma loro mi hanno spinto fuori”.