Massimo Giletti: “Mario Landolfi come Spada? E’ stato peggio”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 aprile 2018 10:46 | Ultimo aggiornamento: 23 aprile 2018 10:46
Massimo Giletti e lo schiaffo di Landolfi al giornalista: "Peggio di Spada"

Massimo Giletti: “Mario Landolfi come Spada? E’ stato peggio”

ROMA – Massimo Giletti condanna lo schiaffo dell’ex ministro Mario Landolfi al suo giornalista Danilo Lupo e ai microfoni del programma radiofonico La Zanzara dice: “Si è comportato peggio di Spada”.

Il conduttore di Non è l’Arena ha commentato a La Zanzara in onda su Radio24 quanto accaduto al suo inviato, il giornalista Lupo, mentre cercava di intervistare l’ex ministro Landolfi: “Si è comportato come Spada? Peggio. Accetterò le sue scuse se arriveranno. E comunque un comportamento del genere non me l’aspetto da un collega giornalista come Landolfi. Francamente invidio a Lupo la calma serafica con la quale ha incassato lo schiaffo, perché credo che se un’altra persona avesse ricevuto uno schiaffo del genere, avrebbe perso la calma e avrebbe risposto. E questo avrebbe innescato sicuramente qualcosa di grave”.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Giletti ha poi spiegato di aver chiamato Lupo per ringraziarlo e non trova spiegazione per il gesto dell’ex ministro: “Ho chiamato Lupo per ringraziarlo perché io stesso non so se sarei rimasto tranquillo al posto suo. Lo schiaffo è stato di una violenza che veramente non ha senso. Non mi sono sentito con Landolfi ma ho parlato col suo avvocato. Certo è un fatto inaudito, non credo che Lupo starà tranquillo. Finché uno Spada tira una testata ad un giornalista, posso anche immaginarlo. Ma da Landolfi no. Noi facciamo semplicemente il nostro dovere”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other