Massimo Giletti tornerà in Rai? Carlo Freccero: “Sicuramente”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 maggio 2018 11:54 | Ultimo aggiornamento: 24 maggio 2018 11:54
Massimo Giletti e il ritorno in Rai per Carlo Freccero

Massimo Giletti tornerà in Rai? Carlo Freccero: “Sicuramente”

ROMA – Massimo Giletti potrebbe tornare in Rai. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Ne è convinto Carlo Freccero, consigliere di amministrazione della Rai, che intervistato a La Zanzara di Radio 24 dà come sicuro il rientro del conduttore di Non è l’Arena su La7.

Un ritorno che per Freccero è sicuro, ma come sottolinea Libero quotidiano è difficile che Urbano Cairo, editore di La7, rinunci a Giletti senza lottare:

“Poche parole per esprimere la sua personalissima sentenza: “Massimo Giletti? Tornerà alla Rai”. Punto e stop. Insomma, all’epoca del governo M5s-Lega, il conduttore de Non è l’arena, secondo Freccero, è destinato all’immediato ritorno a Viale Mazzini. Peccato che Freccero, membro del Cda Rai, forse ha fatto i conti senza l’oste: Giletti, infatti, è una delle punte di diamante di Urbano Cairo. E l’editore de La7 farà ogni cosa pur di trattenerlo. Certo, per Giletti un ritorno in pompa magna in Rai sarebbe una roboante rivincita contro chi dalla stessa tv di Stato, la scorsa estate, lo ha cacciato”.

Intervistato da Giuseppe Cruciani a La Zanzara, Freccero parla anche del nuovo governo e spiega: “E’ iniziato il cambiamento. E sono diventato patriota, per abbattere la Germania. Sono diventato patriota e sovranista. Dobbiamo prenderci la rivincita su questa Germania che ha dominato. Per questo da sinistra sono diventato sovranista e patriota. Meglio Salvini di Renzi, assolutamente. Savona? E’ lucidissimo, la sua presenza sarebbe fondamentale se non ci fosse per un veto sarebbe una sconfitta per il Paese e una cosa gravissima. Vuol dire che non c’è democrazia, peggio della Cina, è una dittatura. Non si può restare schiavi di un sistema che ci rende poveri. L’Euro è il problema. Sarebbe il centro di gravità, è lui che deve dire a Salvini e Di Maio cosa si può fare, una lezione di due ore al giorno. A ripetizione”.

Freccero parla anche di ciò che potrebbe succedere in Rai: “Io farei un programma con Grillo e Celentano. E Renzi potrebbe condurre L’Eredità alle 19, sarebbe qualcosa di bello. Fazio? Ci sono i contratti, non si può fare niente. Al momento lo lasciamo lì. Vespa? Cambierà, diventerà leghista e grillino e dirà che lo è sempre stato. Mannoni? Soffrirà, gli spostiamo il programma ogni volta di cinque minuti così perde le staffe.  Mentre a Renzi farei condurre L’Eredità su Rai1, sarebbe una cosa bella”.