Masterchef, Striscia smentita: Stefano Callegaro vince in tribunale. “Mai stato cuoco prima”

di redazione Blitz
Pubblicato il 25 gennaio 2018 11:12 | Ultimo aggiornamento: 25 gennaio 2018 11:13
Masterchef, Stefano Callegaro vince: non vere le accuse di Striscia

Masterchef, Striscia smentita: Stefano Callegaro vince in tribunale. “Mai stato cuoco prima”

ROMA – Non è vero che Stefano Callegaro era un cuoco professionista prima di Masterchef. Lo ha stabilito il Tribunale di Milano che gli ha dato ragione nella causa intentata contro di lui da Magnolia Spa, la società produttrice del talent di Sky. Callegaro, vincitore della quarta edizione del programma, era stato accusato da Striscia la Notizia di aver già lavorato come chef prima della sua partecipazione al talent che, per definizione, è aperto ai soli cuochi amatoriali. Tesi riproposta in una lunga serie di servizi proposti dal tg satirico di Antonio Ricci.

Di qui la scelta dei produttori di Materchef di affidarsi ad una società privata di investigazioni per scoprire la verità e la conseguente chiamata in giudizio. Magnolia aveva chiesto a Callegaro di restituire i 100 mila euro di montepremi, oltre a 10 mila di penale per violazione contrattuale. Ma il giudice Patrizio Gattari, della Settima sezione civile del tribunale di Milano, ha dato ragione al vincitore che può tenersi il premio in denaro. Non solo: Magnolia dovrà pagare a Callegaro altri 10 mila euro, per aver promosso contro di lui una causa temeraria “che ben sapeva essere infondata”. Più altri 13.400 euro per le spese legali.

E’ andata male anche ad altri 9 concorrenti dell’edizione 2015, costituitisi in giudizio perché ritenevano di essere stati “sconfitti in modo sleale”. Dovranno dare 20 mila euro a Callegaro e altri 20 mila a Sky. Per il giudice il quarto Masterchef italiano non è mai stato un cuoco prima: ha lavorato come agente immobiliare, operaio, agente di commercio. L’unico impiego che aveva a che fare con la cucina è stato quello di chef promoter, che è un lavoro di promozione appunto: doveva affiancare gli agenti di commercio, illustrando i prodotti.