Masterchef 8, chi è la vincitrice Valeria Raciti: ecco il menù con cui ha conquistato i giudici

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 aprile 2019 11:01 | Ultimo aggiornamento: 5 aprile 2019 11:01
Valeria Raciti vince Masterchef 8: il menù che ha conquistato i giudici

Masterchef 8, chi è la vincitrice Valeria Raciti: ecco il menù con cui ha conquistato i giudici

ROMA – Ha conquistato il titolo di Masterchef 8 con il suo menù tra tradizione e curiosità. Valeria Raciti, la segretaria di 31 anni di Aci Sant’Antonio, ha battuto in finale i concorrenti Gilberto Neirotti e Gloria Clama. Per lei ora arriva un premio da 100mila euro in gettoni d’oro e la possibilità di pubblicare con Baldini&Castoldi il suo primo libro di ricette.

La sfida finale non è stata certo semplice per i concorrenti: preparare in due ore e mezza un intero menù degustazione che raccontasse la loro idea di cucina. “Fra me e me”, questo il nome del menù servito da Valeria a Bruno Barbieri, Joe Bastianich, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli.

La Raciti è partita dall’antipasto “C’era una volta”, una bruschetta con pane di Altamura, aglio, olio evo, basilico e sferificazione di pomodoro. Poi un ‘Cannolo di alici marinate’, un cannolo ripieno di battuto di melanzane con aria di prezzemolo, mandorle tostate, salicornia e uova di trota. 

Il primo però ha lasciato i giudici stupiti e piacevolmente sorpresi. Spaghetti risottati con ricci di mare, spuma al cocco e alghe, che Valeria ha chiamato “Incontro tra tradizione e innovazione”. Per secondo, invece, “Gli opposti a volte si attraggon”: una guancia di vitello e gambero crudo con bisque al Marsala e giardiniera di radici. Un piatto che ha lasciato i giudici senza parole, tanto che chef Cannavacciuolo l’ha definito “perfetto”. Anche Bastianich elargisce complimenti alla giardiniera: la più buona mai mangiata.

Per concludere, “Piccione al tè Oolong Phoenix”, un piccione accompagnato da patate alla barbabietola e bietoline rosse. Poi il “Lieto fine”, un gelato alla ricotta su terra al pistacchio con coulis di lamponi e spuma di agrumi. 

Prima di arrivare a Masterchef, Valeria lavorava come segretaria amministrativa ma la cucina è sempre stata la sua grande passione. La vincitrice ha raccontato: “L’amore per la cucina è nato con me, non ricordo un punto effettivo d’inizio. Da piccola stavo spesso da mia nonna e lei era praticamente sempre ai fornelli, cucinava per tutti, quando mia madre mi passava a prendere di ritorno da lavoro avevo con me quasi sempre il gavettino con la cena preparata da lei”.

Un ricordo, quello della nonna, ancora più forte dato che è venuta a mancare da poco. La Raciti ha poi aggiunto: “Così, sin da bambina, quando capitava che restavo a casa da sola, anch’io per farle trovare qualcosa di pronto mi mettevo a preparare le ricette più improbabili, immangiabili certo, ma sono servite sicuramente da esercizio. La mia voglia di sperimentare non finisce mai”. E lo ha dimostrato, stupendo i giudici di Masterchef e conquistandosi il titolo di questa edizione.