Maurizio Costanzo Show, Fabrizio Bracconeri: “Mio figlio ha il pannolone ed è idrofobo”

di Lorenzo Briotti
Pubblicato il 6 aprile 2019 11:21 | Ultimo aggiornamento: 6 aprile 2019 11:21
Maurizio Costanzo Show, Fabrizio Bracconeri: "Mio figlio ha il pannolone ed è idrofobo"

Maurizio Costanzo Show, Fabrizio Bracconeri ospite racconta il suo dramma

ROMA – Fabrizio Bracconeri vive un dramma quotidiano. Lo stesso che vivono i genitori che come lui hanno dei figli autistici. L’attore e conduttore ha raccontato la sua vita al Maurizio Costanzo Show, descrivendo la sua condizione di forte difficoltà dovuta al figlio che tra poco compirà 18 anni. Il ragazzo è infatti autistico ed ha un grave ritardo mentale che constringono, i genitori, a farsene carico come se si trattasse di un neonato.

Fabrizio racconta di essersi accorto che qualcosa non andava già pochi mesi dopo la nascita. “Ci accorgemmo che qualcosa non andava quando mio figlio aveva 2 mesi. Io stavo lavorando e mia moglie, accompagnata da Chiara Giordano, ex moglie di Raoul Bova, lo portò a fare una visita al Bambin Gesù. Ci dissero che forse era sordo, oppure cieco, l’autismo non era ancora diagnosticato”.

Bracconeri racconta ancora che per seguire il figlio è stato costretto a trasferirsi da Roma a Erice, in provincia di Trapani. Solo qui, a tanti chilometri da casa sua, sarebbe riuscito a ottenere il supporto di un centro specializzato. 

L’attore conosciuto al grande pubblico per la sua partecipazione a Forum, descrive la condizione del figlio, che “non parla, ha il pannolone ed è idrofobo. L’idrofobia è la paura dell’acqua per cui, avendo il pannolone, diventa un problema lavarlo”.

Poi prosegue: “Io mi considero ancora fortunato, posso qualche volta uscire la sera e permettermi di pagare una persona che stia con mio figlio a 35 euro l’ora. Se esco a mangiare una pizza, mi costa 50 euro come a tutti, ma a quella cifra vanno aggiunti altri 80/100 euro di spese accessorie, perché è necessario che qualcuno rimanga a casa con lui. Purtroppo ci sono famiglie rovinate da questa malattia. Non hanno una vita. Non posso prendere un aereo o fare un viaggio lungo in macchina. Anche andare al supermercato è un problema”.

Bracconeri racconta infine che “un’associazione della quale non faccio il nome mi aveva chiesto 16 mila euro per togliere il pannolone a mio figlio, e non ci siamo riusciti. Una famiglia monoreddito, con un problema di questo tipo, come fa?”

Fonte: Maurizio Costanzo Show