Micol Olivieri, Alice dei Cesaroni: “Dopo il mio secondo figlio ha sofferto di ansia e panico”

di redazione Blitz
Pubblicato il 21 aprile 2018 12:06 | Ultimo aggiornamento: 21 aprile 2018 12:06
Micol Olivieri, Alice dei Cesaroni: "Dopo il mio secondo figlio ha sofferto di ansia e panico"

Micol Olivieri, Alice dei Cesaroni: “Dopo il mio secondo figlio ha sofferto di ansia e panico” (Foto Instagram)

ROMA – “Dopo la nascita del mio secondo figlio ho vissuto dei momenti di ansia e di panico. Il parto scatena delle emozioni che possono poi sfociare nella depressione post partum”: a dirlo è Micol Olivieri, giovane attrice romana di 25 anni, protagonista dei Cesaroni e mamma di Arya, quattro anni, e Samuel, un anno.

Intervistata dalla rivista Vero, l’Alice Cudicini dei Cesaroni ha ricordato i periodi difficili vissuti durante la seconda gravidanza. “Io ho vissuto la maternità in maniera totalmente differente con Arya e con Samuel nonostante avessi 21 anni con la prima figlia e 24 con il secondo”.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

La seconda volta la maternità per Micol è stata pesante: “Forse crescendo si acquista maggiore consapevolezza. A me, personalmente sono venute molte paure in più, le stesse che riscontro nelle mamme che hanno dei figli in età adulta. Essendo più coscienti di ciò che è la vita, con le sue gioie e i suoi dolori, forse è inevitabile avere dei timori”.

“Da giovani c’è quel velo di incoscienza che in qualche modo ti aiuta a vivere la maternità con più leggerezza, ha spiegato Micol al settimanale. Dopo la nascita di Samuel ho vissuto dei momenti di ansia e di panico, cose che non mi appartengono. Il parto scatena delle emozioni che possono poi sfociare nella depressione post partum”.

Lei ha chiesto aiuto: “Certo, è importante che le donne non abbiano timore di chiedere aiuto. Anche durante la prima gravidanza mi sono rivolta ad uno psicologo infantile per capire come pormi con i miei figli”.