Miss Italia: Antonella Clerici, no alla conduzione. Patrizia Mirigliani: “Non è un concorso morto”

di redazione Blitz
Pubblicato il 9 Agosto 2019 12:59 | Ultimo aggiornamento: 9 Agosto 2019 12:59
antonella clerici

Antonella Clerici (Ansa)

ROMA – In occasione degli 80 anni del concorso,  Miss Italia festeggia torando in Rai. negli ultimi anni infatti, il concorso di bellezza per eccellenza è stato trasmesso da La7.

A condurre il concorso di bellezza sarà Alessandro Greco e non Antonella Clerici: quest’ultima ha infatti rifiutato la proposta di Viale Mazzini. Patrizia Mirigiliani, la patron del concorso, ha commentato con dispiacere il suo rifiuto: “Mi è dispiaciuto molto che Antonella si sia tirata indietro, sarebbe stata un’ottima conduttrice” ha detto al settimanale Spy. “Le trattative per tornare in Rai sono state effettivamente complicate, come lo sono sempre quando c’è un cambiamento, ma se qualcuno ha provato a bloccare tutto non lo so e neanche lo voglio sapere – ha aggiunto -. Questo per me è un momento di grande felicità, vorrei lasciare le polemiche alle spalle”.

Poi, a chi considera Miss Italia come superato risponde così: “Mi viene da sorridere. Miss Italia lo davano per spacciato già negli anni ’60 e ’70. È vero, però, che Instagram ha cambiato i parametri di bellezza, i reality hanno offerto nuove opportunità, la globalizzazione ha complicato il concetto di ‘ragazza della porta accanto’. Eppure questo non è un concorso morto, continua a raccontare i cambiamenti delle donne e rimane una vetrina importante e qualificata per parlare di bellezza”.

Antonella Clerici è stata momentaneamente esclusa dai palinsesti Rai. Corteggiata da Urbano Cairo per La7, al momento non la vedremo in tv. Tramite il suo agente Lucio Presta, nelle settimane scorse ha detto no alla conduzione di Miss Italia. A svelare la notizia era stato TvBlog. 

La direttrice di Rai1 Teresa De Santis, rispondendo a una domanda sull’assenza di Antonella Clerici nel palinsesto autunnale, aveva così risposto: “Clerici è una figura storica della Rai. Ha sempre rischiato moltissimo anche su format non adatti a lei e non sempre ha avuto il massimo risultato. Abbiamo ragionato a lungo e lei mi ha dato ragione. Abbiamo in cantiere un progetto nella stagione primaverile dedicato a un racconto degli anni che ci sono stati e vorrei ringraziare le Teche Rai che sono una risorsa importante. Non c’è nessuna esclusione, vogliamo solo lavorare al meglio”. 

Fonte: Fatto Quotidiano, TvBlog