Mourinho, videomessaggio ad Amadeus durante Domenica In: “Il mio nome a tuo figlio? Spero che arrivi in Serie A…”

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 15 Settembre 2019 16:18 | Ultimo aggiornamento: 15 Settembre 2019 16:18
Mourinho Amadeus Domenica In video messaggio figlio José

Mourinho nella foto Ansa

ROMA – Emozione fortissima per Amadeus durante l’ultima puntata di Domenica In. Il futuro conduttore di Sanremo era ospite del programma televisivo della Rai e durante la puntata ha ricevuto un videomessaggio da parte di José Mourinho. Amadeus è un grande tifoso dell’Inter e ha chiamato suo figlio José proprio in onore dell’allenatore dell’Inter del Triplete. Di seguito, le dichiarazioni di Mourinho per Amadeus.

Mourinho emozionato per il gesto di Amadeus: “Hai chiamato tuo figlio come me, gli auguro una grande carriera da calciatore”.

Di seguito, le dichiarazioni rilasciate dallo Special One nel corso del videomessaggio trasmesso da Domenica In: “Non ci posso credere che hai messo il mio nome come omaggio a tuo figlio. È un orgoglio per me, ti auguro tanta felicità. Cosa auguro al piccolo José? Piccolo, ti auguro che tu possa arrivare a coronare il tuo sogno. Spero che riuscirai a difendere la porta più grande del mondo e della prima squadra. Un abbraccio grande”.

Mourinho è rimasto sulla panchina dell’Inter solamente due anni ma questo gli è bastato per rimanere per sempre nel cuore dei tifosi nerazzurri. L’Inter dell’allenatore portoghese è stata dominante sia in Italia che in Europa. L’ex allenatore del Manchester United è riuscito a conquistare ben cinque trofei in appena cinque anni sulla panchina dei nerazzurri. 

Mou ha vinto due scudetti in due anni, una Coppa Italia, una Supercoppa Italiana e soprattutto la Champions League del 2010 (anno del Triplete). In quell’anno magico, il tecnico portoghese vinse la Champions League contro ogni pronostico. La finale contro il Bayern Monaco, dopo una semifinale epica contro il Barcellona, venne decisa dalla doppietta di Milito. Fu l’ultimo atto del Triplete, prima della Champions, i nerazzurri vinsero la Coppa Italia contro la Roma, sempre con gol di Milito, e lo scudetto, ai danni della Roma, con gol decisivo di Milito a Siena (fonte Domenica In).