“Molto attento ai soldi, è ebreo”, la frase sul presidente del Tottenham a TeleLombardia

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Settembre 2020 10:50 | Ultimo aggiornamento: 28 Settembre 2020 10:50
"Molto attento ai soldi, è ebreo", la frase sul presidente del Tottenham a TeleLombardia

“Molto attento ai soldi, è ebreo”, la frase sul presidente del Tottenham a TeleLombardia

Bufera social su TeleLombardia per la frase sul presidente del Tottenham: “E’ molto attento ai soldi, è ebreo”

“Il presidente del Tottenham Levy è uno moooolto attento ai suoi soldi”. L’opinionista della trasmissione TopCalcio24 è stato quindi incalzato da uno dei due conduttori che ha affermato: “È ebreo”. La risposta è stata questa: “Io non volevo dirlo, lo hai detto tu”. Il conduttore ha poi spiegato: “Che c’entra? Massima stima degli ebrei“.

Tanto è bastato per scatenare i social, con molti utenti indignati per quanto detto durante la trasmissione. “Nel 2020 ancora siamo costretti ad ascoltare queste cose. L’ignoranza più totale. Non è giornalismo, non è semplicemente stupidità. “È un personaggio attento al denaro, un ebreo”. Mi vergogno di voi”, scrive un utente.

Come ricorda Giornalettismo, non è la prima volta che Top Calcio 24 si distingue per affermazioni che, nei giorni successivi, hanno fatto discutere. Un anno fa, parlando del calciatore dell’Inter Romelu Lukaku (appena acquistato dai nerazzurri), in studio era stata pronunciata la frase: “Questo nell’uno contro uno ti uccide, se gli vai contro cadi per terra, o hai dieci banane per mangiare che gliele dai, altrimenti”. All’epoca dei fatti, dalla trasmissione avevano fatto sapere che l’opinionista in questione non sarebbe più stato invitato in trasmissione.

In questo caso al momento dalla trasmissione e dall’emittente non hanno fatto sapere niente. Sicuramente ci sarà un comunicato su quanto accaduto in cui forse verranno presi provvedimenti per la frase che molti utenti social non hanno proprio perdonato, forse pronunziata con troppa leggerezza, senza prestare attenzione alle parole. Parole che però hanno creato una serie di polemiche perché completamente gratuite per uno stereotipo che si pensava fosse ormai stato dimenticato (Fonte Giornalettismo).