Isola dei Famosi, Nadia Rinaldi smentisce Eva Henger: “Francesco Monte non fumava marijuana”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 febbraio 2018 11:26 | Ultimo aggiornamento: 16 febbraio 2018 13:51
Isola dei Famosi, Nadia Rinaldi smentisce Eva Henger: "Francesco Monte fumare marijuana"

Isola dei Famosi, Nadia Rinaldi smentisce Eva Henger: “Francesco Monte fumare marijuana”

ROMA – Nadia Rinaldi, ex naufraga dell’Isola dei Famosi, si intromette nel dibattito su Francesco Monte e il presunto utilizzo di marijuana nel residence in Honduras. “Non l’ho visto fumare marijuana”, dice la Rinaldi smentendo così Eva Henger. L’attrice sostiene di aver visto Monte fumare tabacco, era l’unico ad averlo portato nel residence insieme alle cartine, ma di non aver visto droga. E poi definisce scorretto il comportamento dell’ex star a luci rosse, Eva Henger, sottolineando come questo tipo di accuse non si fanno in diretta televisiva, ma confrontandosi in privato e personalmente coi diretti interessati.

Intervistata da Fanpage, la Rinaldi sostiene di aver visto usare da Monte solo tabacco, anche se non si sente di condannare la Henger o definirla una bugiarda:

“Eva non è una persona che va alla ricerca di popolarità, giocando su notizie false, ma non credo che Francesco faccia abitualmente uso di certe sostanze. Non posso contraddire, né confermare. Non dico che Eva sia bugiarda. Se ha detto la verità, posso solo dire che ha sbagliato il momento. Ho visto che Francesco era l’unico a fumare il tabacco, ma non posso dire di averlo visto fare uso di marijuana”.

Quello che l’attrice invece non condivide del comportamento della Henger sono le modalità con cui ha tirato fuori le sue accuse:

“Non ho condiviso la decisione di Eva Henger di denunciare Francesco Monte in diretta, non in un programma di intrattenimento guardato anche da ragazzi. Avrebbe potuto denunciarlo al suo rientro. Se è convinta di quello che ha visto, è giusto che vada avanti ed è giusto che lui si sia ritirato per difendersi. Credo che sia ancora più giusto che la cosa resti tra loro, senza coinvolgere gli altri. Non è corretto metterci quasi alla gogna, come se dovessimo schierarci”.