Nadia Toffa: alle Iene il ricordo di Giulio Golia, Matteo Viviani e Filippo Roma. “Abbiamo perso una sorella”

di redazione Blitz
Pubblicato il 11 Ottobre 2019 10:02 | Ultimo aggiornamento: 11 Ottobre 2019 10:03
Nadia Toffa: alle Iene il ricordo di Giulio Golia, Matteo Viviani e Filippo Roma. "Abbiamo perso una sorella"

Da sinistra: Filippo Roma, Giulio Golia, Nadia Toffa, Matteo Viviani

ROMA – “Abbiamo perso una sorella”. Così Giulio Golia, Matteo Viviani e Filippo Roma tornano a ricordare Nadia Toffa. E’ successo nella puntata delle Iene, andata in onda giovedì 10 ottobre, la prima per il trio da quando è venuta a mancare la collega. 

Il primo a prendere la parola, a inizio puntata, è stato Viviani: “Non possiamo non pensare alla persona che ci è stata accanto in questi anni e che ha presentato spesso le nostre inchieste. Per farvi rendere conto che per noi questa serata non sarà affatto facile, anche perché probabilmente è passato ancora troppo poco tempo e tutti noi dobbiamo ancora ben metabolizzare quello che è accaduto. L’atmosfera qui in studio, la sensazione che si prova è che Nadia sia ancora qua”.

Sono passati infatti appena due mesi dalla morte di Nadia Toffa, stroncata dal cancro lo scorso 13 agosto. Dopo un lungo e sentito applauso da parte del pubblico, è stata la volta di Giulio Golia: “Non era solo la diretta ma tutta una serie di piccole cose che abbiamo condiviso insieme, gli scherzi, i giochi, il camerino, magari un semplice trancio di pizza a fine puntata. Si legge dal mio tono l’emozione. Vi posso dire che questa emozione ce la porteremo per tanto tempo. Con Nadia abbiamo condiviso un pezzo di vita, siamo cresciuti insieme. Non abbiamo perso solo una grande professionista, noi abbiamo perso una grande amica, una sorella”.

Infine Filippo Roma, che ha voluto ringraziare tutti per l’affetto dimostrato per Nadia Toffa: “Era un’amica, abbiamo avuto la fortuna di conoscerla, di viverla. Chiaramente questo a voi non è capitato, ma la cosa incredibile che ci ha stupito e dato tanta gioia è che il nostro dolore è il vostro dolore. Ce ne accorgiamo tutti i giorni perché ci mandate centinaia di e-mail, post, regali, foto in cui dimostrate tutto il vostro affetto. Vi assicuro che in un momento così difficile, come non lo è mai stato, questa cosa ci rende meno tristi. Grazie”.

Fonte: Le Iene