Nadia Toffa, Renato Zero: “Grazie a Dio ti sei fatta conoscere e amare”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Agosto 2019 9:03 | Ultimo aggiornamento: 16 Agosto 2019 9:03
Nadia Toffa, foto Ansa

Nadia Toffa (foto Ansa)

ROMA – “Nadia cara – scrive Renato Zero ricordando Nadia Toffa – averti avuta qui, anche se per breve tempo, ha significato molto per tanta tanta gente”.

“Un sorriso può essere contagioso – continua – Aiuta chi non trova spesso, lo spunto per godere il vantaggio di una pausa di serenità, in questo povero malconcio pianeta. Qui, dove ormai si condivide appena l’effimero. Brevi sprazzi di luce, in una penombra accecante e pericolosa. Grazie a Dio sei nata. Ti sei fatta conoscere ed amare”.

“Per fortuna – scrive ancora il cantante – guerriera e testarda. Bella al punto di avere irritato persino la morte, che ora ti piange anche lei. E sicuramente adesso ti starà chiedendo perdono, per non averti risparmiata. Raccogli anche il mio abbraccio, fatto di rispettoso silenzio e di chiassosa gratitudine. Vivici ancora intorno e dentro dolcissima sorella!”.

Le parole dell’autore delle Iene Davide Parenti.

L’autore delle Iene Davide Parenti, intervistato dal Messaggero, ricorda Nadia Toffa: “Sono contento che così tanta gente le abbia voluto bene, se lo meritava. È una cosa che fa bene a tutti. Anche a chi, durante questo anno e mezzo di malattia, le è stato vicino. Soffrivamo il fatto che lei soffrisse. È stata bravissima a portare avanti tutto, nonostante gli attacchi e le operazioni, ma è difficile stare vicino a una persona che ha il destino segnato. E Nadia lo sapeva. È andata avanti lo stesso, ha condotto il programma sapendo che sarebbe finita così”.

Lo sapeva? “Questa era la cosa drammatica. Era su di morale, era la più up di tutti, ma fra di noi sapevamo come sarebbe finita la vicenda. Però lei aveva una parola di entusiasmo per tutti, anche per i compagni di conduzione quando facevano le prove”.

“Il fatto che lavorasse – spiega – l’ha tenuta in vita più di quanto la malattiale potesse permettere. È una malattia spietata. Quando ti dicono che hai quella cosa, in quel posto, e di quel tipo, basta che guardi su internet per leggere che hai al massimo dieci mesi. Lei ne ha fatti venti. Ovviamente sono stati bravissimi i suoi dottori, capaci di allungarle la vita con le giuste cure. Ma aver continuato a lavorare, avere un appuntamento cui tornare, un impegno con il pubblico, era per lei una delle ragioni per continuare a vivere”.

Come ha vissuto le ultime puntate? “È arrivata sfinita alla fine della stagione. Durante le ultime puntate faceva fatica anche a camminare. Eppure veniva, e faceva i balletti. Qualcuno sui social si è accorto della sua difficoltà. Ma lei comunque faceva tutto. Non è riuscita a venire solo all’ultima puntata, le altre le ha fatte tutte. Purtroppo le sue condizioni si sono aggravate proprio all’ultimo”.

Fonte: Il Messaggero, UltimeNotizieFlash.