Netflix sbarca in Francia: paghi e vedi i film in streaming…senza passare dalle tv

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 settembre 2014 13:55 | Ultimo aggiornamento: 16 settembre 2014 14:06
Netflix, paghi e vedi i film in streaming...senza passare dalle tv

Netflix, paghi e vedi i film in streaming…senza passare dalle tv

ROMA – Netflix, il gigante del video on demand che permette di vedere film e telefilm senza passare per i network televisivi, arriva in Francia. Negli Stati Uniti ha totalizzato oltre 36 milioni di abbonati, superando anche la rete televisiva Hbo. In Europa invece la società americana è già presente in Gran Bretagna, Olanda e nei paesi scandinavi con ben 14 milioni di abbonati.

L’offerta di Netflix in Francia è allettante: 8 euro al mese per avere accesso via internet a migliaia di film e serie televisive. In Italia invece bisognerà aspettare, visto il ritardo della diffusione della banda larga in Italia per via di Telecom.

Anais Ginori su Repubblica spiega:

“Il sistema francese si regge su una serie di norme che vincolano produzione e diffusioni dei film, garantendo così il finanziamento degli autori nazionali. L’arrivo del gigante statunitense rischia di sconvolgere l’intero sistema. Non a caso, gli operatori francesi hanno fatto resistenza all’arrivo di Netflix, che già tre anni fa aveva provato senza successo a sbarcare Oltralpe. A sorpresa, ieri, Bouygues Telecom, terzo operatore francese, ha annunciato invece che consentirà ai propri clienti di usufruire dei servizi di Netflix”.

Una vittoria per Reed Hastings, inventore della piattaforma, che

“ha fatto sapere che non intende pagare alcun gruppo di telecomunicazioni. L’accordo con Bouygues potrà spianare la strada ad accordi simili con altri operatori: Orange ha detto di non essere del tutto contraria. Diverso l’approccio di Numericable Group, che si fonderà con Sfr e che lancerà un servizio concorrente a quello di Netflix”.

Intanto la Netflix continua a espandersi in Europa:

“arriverà anche in Germania, Austria, Svizzera, Belgio e Lussemburgo, dove è anche il quartier generale europeo. Per l’Italia invece bisognerà ancora attendere visto il ritardo sulla banda larga anche se Telecom Italia starebbe già trattando con gli americani per uno sbarco dal 2015 sulle nostre tv”.

Ma anche la questione tasse si rivela problematica in Francia:

“Tra i motivi di polemica con il governo di Parigi, c’è il fatto che Netflix non pagherà le tasse in Francia, come altri giganti della Silicon Valley. Ma dopo un lungo braccio di ferro, Hastings ha promesso che verserà l’Iva sulle vendite e devolverà il 2% del fatturato al Centre National de Cinématographie, la cassaforte che finanzia il cinema francese”.