Non è l’Arena, Vittorio Sgarbi a Marysthell Polanco: “Sei pentita solo perché c’è un processo”

di redazione Blitz
Pubblicato il 3 Giugno 2019 9:48 | Ultimo aggiornamento: 3 Giugno 2019 9:48
Non è l'Arena, Vittorio Sgarbi a Marysthell Polanco: "Sei pentita solo perché c'è un processo"

Non è l’Arena, Vittorio Sgarbi a Marysthell Polanco: “Sei pentita solo perché c’è un processo”

ROMA – Parole pesanti tra Vittorio Sgarbi e la ex Olgettina Marysthell Polanco, ospiti di Non è l’Arena su La7 domenica sera, 2 giugno. 

In studio da Massimo Giletti il critico d’arte ferrarese ha duramente attaccato la protagonista delle cosiddette “cene eleganti” di Arcore. “Sei pentita solo perché c’è un processo, ma poi pentita di cosa?”, ha domandato Sgarbi. “Ho deciso di dire la verità per i miei figli e la mia famiglia”, la replica dell’ex showgirl, imputata per corruzione in atti giudiziari e falsa testimonianza assieme a Silvio Berlusconi nel processo Ruby Ter.

“Io ho la sensazione che tu faccia questa cosa solo per andare in televisione, altrimenti non ti inviterebbero più da nessuna parte”, l’accusa di Sgarbi. “Stai inventando un reato per compiacere i giudici. Io dico la verità, tu stai mentendo. Tu sei un pentito evidentemente ma non so di che cosa, devi dirmelo”. Per Sgarbi, infatti, “tu non hai commesso nessuno reato, posso testimoniarlo. Loro non sono prostitute, loro sono mantenute. La mantenuta è una che ha un rapporto amicale, una che dorme a casa tua. Lei sarà pentita ma non si capisce di che cosa”.

Secondo il critico, che non ha praticamente lasciato alla Polanco la possibilità di ribattere, “il problema sono quei magistrati che hanno messo sotto scacco queste ragazze impaurendole. Senza processo non ci sarebbero versioni”. Sgarbi ha sostenuto infatti che la Polanco e le altre ragazze non fossero pagate per le prestazioni, e del tutto innocenti. Al che la ex Olgettina è riuscita a difendersi: “Io ho scritto nel 2013 al magistrato che volevo patteggiare. Ma il mio avvocato non ha voluto”. (Fonte: Non è l’Arena)