Non è l’Arena, Vittorio Sgarbi minacciato da Pennacchi: “Ti do un cazzotto”

di Filippo Limoncelli
Pubblicato il 6 marzo 2019 13:55 | Ultimo aggiornamento: 6 marzo 2019 13:55
non è l'arena

Non è l’Arena, Vittorio Sgarbi minacciato da Pennacchi: “Ti do un cazzotto”

ROMA – Rissa a Non è l’arena di Massimo Giletti, il programma della domenica sera su La7. Protagonisti Vittorio Sgarbi e Antonio Pennacchi.

I due si sono confrontatati sulla nuova legge in via di approvazione e non sono mancati i toni aspri.

LEGGI ANCHE: Vittorio Sgarbi: “Le 50enni troppo vecchie per andarci a letto? Andrei anche con le 70enni”

“Se adesso mi alzo e vado a prendere Pennacchi per il collo…”, ha detto il critico d’arte in studio alzandosi verso lo scrittore. Pennacchi si è alzato a sua volta. “Hai reagito”, ha fatto notare Giletti. “Sono mezzo incivile anche io”, ha provato a giustificarsi lo scrittore. “Ma non ti ammazzo”.

Per Sgarbi però si tratta di “spontanea difesa”. “Non si può parlare di eccesso o difetto quando tu non hai la capacità di controllare la tua spontanea difesa”, ha detto il critico d’arte. Per “dimostrare” la sua tesi si è avvicinato di nuovo a Pennacchi, prendendolo per il bavero della giacca. A quel punto la reazione dello scrittore: “Vaffanc*** va!”, ha detto a microfoni accesi sotto lo sguardo attento dei telespettatori. “Leva queste mani che ti do un cazzotto in bocca”.

Fonte: Striscia la Notizia