Non è l’Arena, Giovanna Cristina Vivinetto: “Io, prof licenziata perché trans”. Mario Adinolfi: “No, perché non è abilitata”

di redazione Blitz
Pubblicato il 21 Ottobre 2019 9:50 | Ultimo aggiornamento: 21 Ottobre 2019 9:50
Giovanna Cristina Vivinetto e Mario Adinolfi a Non è l'Arena

Giovanna Cristina Vivinetto e Mario Adinolfi a Non è l’Arena

ROMA – Scontro tra Mario Adinolfi, fondatore del Popolo della Famiglia, e Giovanna Cristina Vivinetto, insegnante e poetessa transessuale, a Non è l’Arena, su La7, domenica 20 ottobre. Lei sostiene di essere stata licenziata dal liceo paritario Kennedy di Roma perché trans, lui perché non è abilitata. E lei ribatte: “La metà del corpo docente di quella scuola non è abilitato”. 

“Non sono d’accordo con Adinolfi quando dice: non è abilitata – ha affermato Vivinetto, tra le interruzioni di Adinolfi -. E’ vero, qui nessuno ha la pretesa di dire che io sia una insegnante perfetta. Ma quanto meno per valutare se sia una docente adatta o meno mi venga dato il tempo per dimostrarlo”.

“Si fanno i concorsi di abilitazione all’insegnamento, come milioni di persone – ha replicato il blogger -, non esistono scorciatoie per farvi pubblicità, altrimenti milioni di ragazzi che studiano e fanno anni di precariato e si trovano scavalcati perché ce la possibilità di andare in tv si arrabbiano un po’”. Secondo Vivinetto, però, “la metà del corpo docente di quella scuola non è abilitato”. 

Contattato da BlitzQuotidiano, il liceo Kennedy non ha saputo al momento confermare la veridicità o meno delle parole di Vivinetto sulla mancanza di abilitazione di “metà del corpo docente”. (Fonte: Non è l’Arena)