Oggi è un altro giorno non è andato in onda, ecco perché

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Novembre 2020 16:29 | Ultimo aggiornamento: 4 Novembre 2020 16:29
Oggi è un altro giorno non è andato in onda, ecco perché

Oggi è un altro giorno non è andato in onda, ecco perché

Oggi è un altro giorno oggi, mercoledì 4 novembre, non è andato in onda.

Secondo il sito VigilanzaTv, infatti, una persona che ha avuto accesso allo studio di Oggi è un altro giorno, la trasmissione condotta da Serena Bortone, è risultata positiva al Covid-19, secondo Blogo si tratterebbe di un ospite.

Al posto di del programma alle 14 Rai1 ha trasmesso una puntata di Techetechetè dedicata a Gigi Proietti.

Coronavirus, Italia divisa in tre zone: rossa, gialla e arancione. Verde non c’è più

Rossa, gialla e arancione. L’Italia, in base all’ultimo dpcm (che entra in vigore il 5 novembre), è stata divisa in tre zone: per l’appunto zona rossa, gialla (e non più verde) e arancione.

Italia divisa in tre zone contro il coronavirus. Ogni zona rappresenta una fascia con restrizioni differenti. Meno gravi per la zona gialla, più gravi per la zona rossa.

Zona gialla

Vietato circolare dalle ore 22 alle ore 5 del mattino, salvo comprovati motivi di lavoro, necessità e salute in generale.  Raccomandazione di non spostarsi se non per motivi di salute, lavoro, studio, situazioni di necessità.

 

Chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi (sabato e domenica) ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, supermercati, tabaccherie ed edicole al loro interno.

Chiusura di musei e mostre.

Didattica a distanza per le scuole superiori di secondo grado, fatta eccezione per gli studenti con disabilità e in caso di uso di laboratori; didattica in presenza per scuole dell’infanzia, scuole elementari e scuole medie. 

Riduzione fino al 50% per il trasporto pubblico, ad eccezione dei mezzi di trasporto scolastico.

Sospensione di attività di sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e tabaccherie.

Chiusura di bar e ristoranti alle ore 18. L’asporto è consentito fino alle ore 22. Per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni.

Restano chiuse piscine, palestre, teatri, cinema, centri sportivi. Restano chiuse piscine, palestre, teatri, cinema, centri sportivi. 

Zona arancione

Vietato circolare dalle ore 22 alle ore 5 del mattino, salvo comprovati motivi di lavoro, necessità e salute.

Vietati gli spostamenti in entrata e in uscita da una Regione all’altra e da un Comune all’altro, salvo comprovati motivi di lavoro, studio, salute, necessità; Raccomandazione di evitare spostamenti non necessari nel corso della giornata all’interno del proprio Comune.

Chiusura di bar e ristoranti, 7 giorni su 7. L’asporto è consentito fino alle ore 22. Per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni.

Chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi (sabato e domenica) ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, supermercati, tabaccherie ed edicole al loro interno.

Chiusura di musei e mostre.

Didattica a distanza per le scuole superiori di secondo grado, fatta eccezione per gli studenti con disabilità e in caso di uso di laboratori; didattica in presenza per scuole dell’infanzia, scuole elementari e scuole medie.

Riduzione fino al 50% per il trasporto pubblico, ad eccezione dei mezzi di trasporto scolastico.

Sospensione di attività di sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e tabaccherie.

Restano chiuse piscine, palestre, teatri, cinema, centri sportivi.

Zona rossa

È vietato ogni spostamento, anche all’interno del proprio Comune, in qualsiasi orario, salvo che per motivi di lavoro, necessità e salute; vietati gli spostamenti da una Regione all’altra e da un Comune all’altro.

Chiusura di bar e ristoranti, 7 giorni su 7. L’asporto è consentito fino alle ore 22. Per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni.

Chiusura dei negozi, fatta eccezione per supermercati, beni alimentari e di prima necessità. Restano aperte edicole e tabaccherie e le attività relative ai servizi alla persona: lavanderie, parrucchieri e barbieri. Chiusi i centri estetici.

Didattica a distanza per la scuola secondaria di secondo grado, per le classi di seconda e terza media. Restano aperte, quindi, solo le scuole dell’infanzia, le scuole elementari e la prima media.

Sono sospese tutte le competizioni sportive.

È consentito svolgere attività motoria nei pressi della propria abitazione e attività sportiva solo all’aperto in forma individuale.

Restano chiuse piscine, palestre, teatri, cinema, centri sportivi. (Fonti: VigilanzaTv, Ansa).