Paola Caruso: “Ho scoperto chi è mio padre biologico”. E dà un indizio ai fan

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 Aprile 2019 8:53 | Ultimo aggiornamento: 24 Aprile 2019 8:53
paola caruso padre

Paola Caruso: “Ho scoperto chi è mio padre biologico”. E dà un indizio ai fan

ROMA – Paola Caruso, dopo aver scoperto chi è la sua mamma biologica, ora rivela anche di sapere chi è il papà. La scorsa settimana infatti, durante la puntata di Live Non è la D’Urso, l’ex Bonas di Avanti un Altro, ha finalmente scoperto, dopo tantissimi anni, che la signora Imma è la sua madre biologica. Nella scorsa settimana però, Paola Caruso ha rilasciato un intervista al Corriere della Sera, rivelando di sapere anche l’identità del suo papà biologico. Si tratta di un calciatore che giocava nel Catanzaro tra il 1984 e 1985: “So chi è. So che non ha figli, quando sarà il momento dirò chi è. Dopo tutto quello che ha fatto Barbara D’Urso per me mi sembra giusto dirlo in una delle sue trasmissioni”.

Su Twitter già dalla scorsa settimana comincia a circolare il nome del possibile padre della Caruso: i più gettonati sono Giuseppe Lorenzo, ex bomber del Catanzaro che si è trasferito nella Sampdoria nel ’85 (anno in cui è nata la Caruso) e Giorgio Boscolo, centrocampista, che lasciò la Calabria nell’estate del 1984 per trasferirsi all’Asti.

Paola Caruso ha scoperto anche di essere stata adottata quando era adolescente. Come ha raccontato, non è venuta a conoscenza della sua adozione nei migliori dei modi, a quanto pare infatti, a rivelarle il tutto fu proprio una sua amica: “Solo a 14 anni anni ho scoperto di essere stata adottata, per me fu uno shock. I miei genitori non mi avevano detto niente, fu una mia amica a rivelarmelo, anche lei era stata adottata […] Un giorno stavamo litigando e me lo disse”.

Paola continua: “Non mi volevano dare spiegazioni. Più avanti l’ho capito, avevano paura di perdermi, appena affrontavo l’argomento si chiudevano nel silenzio. Oggi se mi metto nei loro panni li capisco. Io ero piccola e ci misi 10 anni a metabolizzare questa storia”. (fonte CORRIERE DELLA SERA)