Paola Ferrari, l’appello (ascoltato) per salvare 90° minuto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 giugno 2018 12:55 | Ultimo aggiornamento: 14 giugno 2018 12:55
paola ferrari 90 minuto

Paola Ferrari, l’appello (ascoltato) per salvare 90° minuto

ROMA – Novantesimo minuto è salvo. Nei prossimi tre anni andrà regolarmente in onda la storica trasmissione Rai. Lo ha annunciato il presidente della Lega Serie A, Gaetano Miccichè, dopo l’assegnazione dei diritti tv del campionato a Sky e Perform. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] “Siamo riusciti a ottenere maggiore elasticità da parte dei soggetti aggiudicatari per le trasmissioni in chiaro – ha spiegato -. Ho chiamato poco fa il direttore generale della Rai per comunicarglielo, ma non mi ha risposto. 90′ Minuto andrà in onda anche quest’anno e certamente per prossimi tre”.

La Ferrari c’era andata giù dura, denunciando su Tuttosport la rischiosa situazione.

“I dati di ascolto sono molti significativi: dimostrano come tanti italiani, pur amando il calcio, non hanno la possibilità o non vogliono acquistare l’abbonamento Sky e Mediaset Premium. Penso che proprio questo successo di 90° abbia acceso l’attenzione di Sky: ha capito che 90° non sarebbe morto, anche se avesse avuto una sola partita in contemporanea contro programmazione. A Sky si sono accorti che gli italiani seguivano comunque la nostra trasmissione e, quindi, adesso puntano ad avere un’esclusiva totale che, se confermata, addirittura impedirà a chi non paga di vedere almeno i gol”. Poi la frecciata ai vertici della Lega: “La decisione della Lega di A è gravissima e mi dispiace sia stata presa da un presidente che stimo immensamente come Micciché”.

E quella al neo governo: “Mi dispiace pure che un governo come quello 5 Stelle-Lega, capace di intercettare con favore e, probabilmente, con merito, il voto di tanti italiani, possa permettere che tutti i fruitori della tv in chiaro debbano perdere il calcio e ciò che esso rappresenta. Già siamo senza Italia al mondiale; adesso, per vedere il calcio in tv, devi pagare”.

Infine l’appello che forse i vertici della serie A hanno ascoltato:“ Spero che la Lega di A ci ripensi e ridia a tutti le emozioni del gol, l’unica che resta ormai di un campionato dove comandano solo le televisioni”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other