Paola Ferrari e le colleghe: “Monica Vanali è la n° 1. Ma il pubblico Mediaset vuole solo ‘figacci***'”

di redazione Blitz
Pubblicato il 8 Gennaio 2020 16:14 | Ultimo aggiornamento: 8 Gennaio 2020 16:14
Paola Ferrari e le colleghe: "Monica Vanali è la n.° 1. Ma il pubblico Mediaset vuole solo 'figacci***'"

Paola Ferrari (Ansa)

ROMA  –  Paola Ferrari è tornata al comando della sua Domenica Sportiva con la sua decima conduzione. “È tutto come l’avevo lasciato – ha raccontato a Marco Castoro di Leggo – . Con Jacopo Volpi ci conosciamo da molti anni, c’è affiatamento, abbiamo fatto un patto d’amore forever-together. Mi manca Alberto Rimedio, ma ho ritrovato Marco Civoli. Siamo un gruppo affiatato, scherziamo, ci divertiamo e sbaragliamo la concorrenza. L’unica cosa che mi dispiace è il fatto che per tornare a condurre la Ds mi abbiano chiesto di lasciare la Nazionale. Spero di recuperarla per gli Europei”.

Intervistata da Leggo, Ferrari liquida le ipotesi di un ritorno della Domenica Sportiva su Rai1: “Non ce la riporteranno mai. La Ds deve avere un orario dignitoso perché è servizio pubblico e non si possono far vedere i gol a mezzanotte meno dieci”.

E su di lei e sulla sua fisicità ancora molto apprezzata dice: “È il dna, le passeggiate con i cani, sto attenta all’alimentazione, non faccio più la vita spericolata di qualche anno fa. Mi spiace ma è così. Sono orgogliosa di avere l’età con davanti il numero 5 che ha Monica Bellucci, Alba Parietti. Andiamo alla grande, così come quelle col 6, guardate la d’Urso! È duro eliminarci”.

Quindi, parlando della collega Giorgia Rossi, Ferrari che ha spesso criticato un’altra collega come Diletta Leotta dice: “Giorgia è la più brava che c’è, giornalista vera non come quelle che dicono di esserlo. Va sui campi, è preparatissima, mi piace moltissimo, deve solo imparare di più a muoversi nell’ambiente. Ma purtroppo per un volto femminile avere successo su una rete generalista in un programma che non sia legato ad avvenimenti in diretta tipo Champions o Nazionale, è difficilissimo: ci vogliono anni e anni prima di acquisire la giusta credibilità. Tempo fa ci provò Monica Vanali, che è la numero 1, ma fu un disastro perché il pubblico Mediaset è abituato a vedere le donne sui propri canali come delle “figaccione”. (Fonte: Leggo)