Paolo Fox torna a “I Fatti Vostri”. Magalli, battuta infelice: “In Rai entrano tanti imbecilli”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 Maggio 2020 10:52 | Ultimo aggiornamento: 19 Maggio 2020 10:52
Paolo Fox torna a "I Fatti Vostri". Magalli, battuta infelice: "In Rai entrano tanti imbecilli"

Paolo Fox torna a “I Fatti Vostri”. Magalli, battuta infelice: “In Rai entrano tanti imbecilli” (Foto Ansa)

ROMA – L’Oroscopo di Paolo Fox torna nello storico programma di Rai 2 condotto da Giancarlo Magalli, “I Fatti Vostri”.

Da qualche giorno infatti Paolo Fox ha ripreso a fare le sue previsioni astrologiche segno per segno in collegamento da casa: proprio durante il collegamento di lunedì 18 marzo, il conduttore, Magalli, gli ha chiesto quando rientrerà in studio commentando la cosa con una battuta forse poco riuscita.

“Io vorrei, ma in Rai come sa gli ingressi sono contingentati”, ha risposto Fox.

A quel punto Magalli ha replicato con una delle sue battute, risultata però infelice: “In Rai entrano tanti imbecilli, per lei sfido tutto”. 

Magalli e la pace con Adriana Volpe.

Giancarlo Magalli al settimanale Oggi aveva anche confessato di aver maturato il desiderio di far pace con Adriana Volpe

Il conduttore, colpito dall’emergenza che sta attraversando il Paese e dal lutto che ha toccato personalmente la ex collega, che ha perso il suocero per coronavirus, si era detto particolarmente dispiaciuto e pronto a chiarire i contrasti con lei.

“Io vorrei chiudere questa faccenda – aveva spiegato Magalli –  è successo tutto solo perché caratterialmente non potevamo funzionare. Ormai sono passati anni, perché trascinarci in tribunale? In ogni caso, ho saputo che sta vivendo un momento difficile, un lutto in famiglia, e sono sinceramente dispiaciuto”.

Magalli aveva poi parlato della sua trasmissione che continua ad andare in onda su RaiDue nonostante il coronavirus. “Noi dei Fatti Vostri siamo come i dieci piccoli Indiani del giallo di Agatha Christie. Ogni settimana perdiamo un pezzo. Ospiti, pubblico, orchestra, una parte dei tecnici e una parte dei redattori”. (Fonte Rai).