Festival di Sanremo, tra i finalisti categoria Giovani il poliziotto rapper Revman

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 Ottobre 2019 14:36 | Ultimo aggiornamento: 24 Ottobre 2019 14:36
Festival di Sanremo, tra i finalisti categoria Giovani il poliziotto rapper Revman

Il teatro Ariston a Sanremo (foto ANSA)

ROMA – Si avvicina il 70esimo Festival di Sanremo. Da poco chiuse le iscrizioni a Sanremo Giovani 2020 e tra gli 842 candidati che si erano presentati è passato tra i sessanta semifinalisti l’agente della polizia di Stato Sebastiano Vitale, classe 1990. Revman, questo è il suo nome d’arte, è un rapper impegnato sui temi sociali più sensibili, in parte tratti dall’esperienza vissuta in strada, di pattuglia, in parte dalla sua personale sensibilità per l’ambiente e per le persone deboli e indifese.

Sebastiano è nato a Palermo, ma oggi è in servizio presso la Questura di Milano. Già noto ai media nazionali, oltre che per le sue canzoni socialmente impegnate, Sebastiano è il figlio della donna che fu immortalata nel celebre scatto “La Bambina con il Pallone” realizzato dalla fotogiornalista Letizia Battaglia.

La fotoreporter aveva lanciato un appello attraverso le telecamere della trasmissione di Raitre “Chi l’ha visto” per ritrovare la bambina che lei stessa aveva resa immortale con uno scatto  risalente al 1980, quando la bambina aveva solo 10 anni. Quasi 40 anni dopo la Battaglia ha potuto fotografarla ancora.

La candidatura di Sebastiano proposta dall’etichetta discografica A&A Recording di Andrea Casamento porterà sicuramente un tocco di novità alla commissione musicale. Non resta che attendere qualche settimana per vedere se la Direzione di Rai Uno e il Direttore Artistico Amadeus  lo avranno inserito tra le 20 proposte che si esibiranno all’Ariston.

Fonte: UFFICIO STAMPA