Porta a Porta, Vespa: “Renzi e Salvini parlavano a due pubblici diversi”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 Ottobre 2019 21:35 | Ultimo aggiornamento: 17 Ottobre 2019 21:35
Matteo Renzi e Matteo Salvini

Bruno Vespa con Matteo Renzi e Matteo Salvini

ROMA – Chi ha vinto il confronto a Porta a Porta: Matteo Salvini o Matteo Renzi? Intervistato da Repubblica, Bruno Vespa è diplomatico:

“Chi ha vinto? Ma no… in questo caso… parlavano a due pubblici diversi. Renzi – dice Vespa – voleva toccare l’uomo nero per conquistare consensi a sinistra e nell’area moderata che non ama il leader della Lega – sostiene Vespa -. Salvini se ne buggerava, parlava al suo pubblico rafforzando i suoi contenuti: flat tax, pensioni, immigrazione”.

Bruno Vespa dice poi di essere contento del fair play dimostrato da Renzi e Salvini:

“Sono contento – dice Bruno Vespa – del fatto che Renzi e Salvini si siano salutati molto cordialmente prima e anche dopo il duello. Non è scontato, perché alla fine c’è sempre uno che perde”.

Capitolo share.

“Come share abbiamo – dice orgoglioso dei dati il conduttore di Porta a Porta – battuto la nazionale di calcio. Certo, andiamo in onda più tardi, ma abbiamo fatto 3 milioni e 800mila spettatori di media, il 25,5 per cento. Siamo partiti dall’11 e siamo arrivati al 4. Con una curva impressionante sulla pubblicità”.

Intervistato anche dall’Adnkronos, Vespa ha escluso un altro confronto a breve:

“Analizzando l’atteggiamento dei leader politici nei confronti della tv, che rispetto, mi pare improbabile un altro duellò a breve. Certo, se il presidente del Consiglio accettasse la proposta di Salvini stenderei il tappeto rosso da via Teulada a Palazzo Chigi, anche a spese mie”.

Fonte: La Repubblica, Adnkronos.