Quarto Grado, Sara Calzolaio: “Abbiamo lottato per veder vincere le bugie dei falsi?”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Luglio 2019 12:26 | Ultimo aggiornamento: 11 Luglio 2019 12:26
Gianluigi Nuzzi legge le prime parole di Sara Calzolaio dopo la condanna di Antonio Logli in Cassazione

Gianluigi Nuzzi legge le prime parole di Sara Calzolaio dopo la condanna di Antonio Logli in Cassazione

ROMA – A Quarto Grado il conduttore Gianluigi Nuzzi ha letto le prime parole di Sara Calzolaio dopo la conferma della condanna in Cassazione di Antonio Logli per l’omicidio e distruzione del cadavere della moglie Roberta Ragusa

Sara Calzolaio, ex amante e ora compagna del Logli, dopo la scomparsa di Roberta Ragusa era andata a vivere con lui e con i figli.

Secondo i giudici Roberta Ragusa scoprì la relazione tra il marito e Sara Calzolaio. E fu proprio questo, secondo i giudici, il movente del’omicidio.

“La verità non è italiana e neppure la giustizia – sono le parole di Sara Calzolaio – Sono distrutta non so come poter andare avanti”.

“Daniele il figlio più grande di Antonio e Roberta – continua Sara Calzolaio – mi incoraggia. Alessia, la più piccola, è crollata dal dolore”. “Abbiamo lottato per cosa – conclude la compagna di Logli – per vedere vincere le bugie dei falsi?”.

Antonio Logli: “Sono disperato”.

“Sono disperato”: queste le prime parole di Antonio Logli dopo la condanna. Parole riferite da uno dei suoi avvocati. Dopo le formalità, Logli è stato trasferito nel carcere Livornese delle Sughere su disposizione della procura di Pisa per evitare che potesse essere esposto davanti alla piccola folla di curiosi che si era radunata davanti alla casa circondariale don Bosco di Pisa. 

Fonte: Quarto Grado, Ansa.