Renato Brunetta insiste sulle spese Rai: “Quanto costerà l’evento ‘Donna è’?”

di redazione Blitz
Pubblicato il 21 febbraio 2014 17:50 | Ultimo aggiornamento: 21 febbraio 2014 17:51
Renato Brunetta

Renato Brunetta

ROMA – Dopo aver chiesto quanto guadagnassero Fabio Fazio e Giovanni Floris, quanto si spendesse per Sanremo, Renato Brunetta insiste sulle spese Rai. Questa volta il presidente dei deputati di Forza Italia ha presentato un’interrogazione al presidente della Commissione di vigilanza Rai, Roberto Fico, per chiedere alla dirigenza della tv di Stato di fare piena luce circa tutti i costi sostenuti per la realizzazione dell’evento “Donna è”, che si terrà a Roma il prossimo 5 e 6 marzo, in occasione del 90° anniversario della radio e del 60° anniversario della televisione.

“La realizzazione dell’evento – scrive Brunetta – è imponente e non interesserà soltanto la sede principale del convegno all’Auditorium Parco della Musica in Roma: sono infatti previsti una serie di collegamenti tramite i centri di produzione Rai di Milano, Torino, Bologna, e Napoli, dove saranno presenti studenti universitari che potranno seguire in diretta i lavori del convegno e interagire con l’evento principale a Roma”.

“L’evento ‘Donna è’ verrà trasmesso in diretta su una piattaforma internet e avrà un sito internet dedicato. Per consentire la riuscita di un evento così articolato verrà predisposto un impianto scenografico progettato e realizzato dalla Rai, che renderà altresì fruibili, oltre alle strutture tecniche per i collegamenti, anche le necessarie attrezzature in sala: schermi, impianti video e audio, luci, dispositivi mobili per i relatori, la stampa e gli ospiti. Si tratta di un evento indubbiamente lodevole che necessita però di una struttura produttiva paragonabile a uno show di prima serata e che si caratterizza, conseguentemente, per costi tanto elevati quanto ingiustificati, certamente non in linea con la politica di contenimento dei costi annunciata dall’attuale dirigenza Rai”. Brunetta chiede inoltre ai vertici di Viale Mazzini se non “ritengano opportuno rendere nota l’eventuale organizzazione di altri eventi, nel quadro delle celebrazioni per il 90° anniversario della radio e il 60° anniversario della televisione e se sia stato definito al riguardo un budget di spesa”.