Sanremo 2019, per la Giuria degli “Stonati” in testa ci sono Carta-Shade e Rancore-Silvestri

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 febbraio 2019 11:20 | Ultimo aggiornamento: 7 febbraio 2019 11:20
Sanremo 2019, per la Giuria degli "Stonati" in testa ci sono Carta-Shade e Rancore-Silvestri (foto Ansa)

Sanremo 2019, per la Giuria degli “Stonati” in testa ci sono Carta-Shade e Rancore-Silvestri (foto Ansa)

ROMA – Nella classifica stilata dalla Giuria degli “Stonati” di “Casa Sanremo“, ovvero quella votata dagli adolescenti, in testa ci sono il duo Federica Carta e “Shade” e quello formato da Daniele Silvestri e “Rancore” con poco più del 22% dei voti. Seguono “Il Volo” con il 13,16%. La classifica è stata stilata dopo la seconda serata del “Festival di Sanremo”. Tra i 12 cantanti che hanno suonato ieri, mercoledì 6 febbraio, agli ultimi due posti della classifica ci sono i “Negrita” e Paola Turci.

La giuria è composta da 170 ragazzi di tutte le regioni italiane, di età compresa tra gli 11 e i 22 anni, coordinati da “Radioimmaginaria”, la prima web radio in Europa fatta, diretta e condotta da adolescenti, che da anni è presente a Sanremo durante la settimana del “Festival”, per raccontare la kermesse dal punto di vista dei ragazzi.

Il cantante “piu’ figo” per i giovani giurati ieri è stato “Nek” (19,74%), seguito da “Einar” (16,45%) e “Achille Lauro” (15,18%), mentre il primo posto della classifica dei “più trash” della serata, per “gli stonati” anche ieri è andato a Loredana Berte’ (42,11%), seguita da “Achille Lauro” (36,18%). I giurati hanno votato da casa e in collegamento, attraverso una piattaforma proprietaria messa a punto per l’occasione che garantisce al contempo la segretezza del voto e la regolarita’ delle operazioni. La votazione continuerà fino alla fine del Festival e ogni sera sarà  proclamato un vincitore. L’ultima serata, 30 minuti prima della proclamazione ufficiale, “gli stonati” annunceranno il nome del loro vincitore, al quale sarà consegnato il premio firmato dal maestro orafo Michele Affidato.