Sanremo 2020, apre Fiorello con l’abito da sacerdote: “Si entra da Papa e si esce Papeete”

di redazione Blitz
Pubblicato il 4 Febbraio 2020 21:09 | Ultimo aggiornamento: 4 Febbraio 2020 21:28
sanremo 2020 fiorello

Sanremo 2020, apre Fiorello con l’abito di Don Matteo

ROMA – Sanremo, si parte: ad aprire la 70esima edizione del Fesstal dell’Ariston è Fiorello in abito sacerdotale, quello originale di Don Matteo. Il comico e presentatore passeggia tra il pubblico e saluta Malgioglio e i dirigenti Rai. Poi scherza facendo battute. 

“Qualcuno doveva pur aiutare Amadeus, le sardine sono occupate..Io sarò il Rocco Casalino di Amadeus”. Fiorello sostiene di non voler essere blasfemo: “Santo Padre, non disdica il canone...”. Poi aggiunge: “Questo è l’abito originale di don Matteo, uno dei pochi Matteo che funzioni in Italia, questo da solo vale il 35% di share”. Quindi ha riferito “mia madre mi ha consigliato ‘stai attento quando sei lì a quello che dirai, altrimenti rischi di fare la fine di Amadeus'”.

Era nelle previsioni: è stato Fiorello ad aprire la 70esima edizione del Festival di Sanremo, con un intervento di alcuni minuti e precedendo quindi il conduttore, nonché direttore artistico, Amadeus. Un intervento non dal palco dell’Ariston  quello dello showman: “C’è bisogno di pace. Questo è il Festival delle polemiche e ci voleva qualcosa di forte. Scambiatevi un segno di pace, non è blasfemo”.  

Fiorello poi riappare sul palco accanto ad Amadeus. I due scherzano su quando presentavano insieme il Festivalbar. Fiorello conclude: “Si entra da Papa e si esce Papeete”. 

Sanremo 2020, al via la 70esima edizione.

Torna il Festival di Sanremo: la 70° edizione della kermesse sarà trasmessa su Rai 1 in prima serata tutti i giorni fino alla finale di sabato 8 febbraio. La sezione Campioni è composta da 24 artisti, che portano in gara le loro canzoni inedite.

Il cast è ampio e variegato e comprende i protagonisti di Festival recenti (Francesco Gabbani, Achille Lauro, Le Vibrazioni, Diodato, Enrico Nigiotti), cantanti emersi dai talent (Elodie, Riki, Alberto Urso), veterani sanremesi di varie ere (Marco Masini, Irene Grandi, Michele Zarrillo, Tosca, Raphael Gualazzi) e undici esordienti, fra cui Anastasio (il favorito per la vittoria a detta dei bookmaker), Elettra Lamborghini, Piero Pelù e Junior Cally.

Sono otto le Nuove Proposte: cinque arrivano da Sanremo Giovani, il concorso canoro che si è tenuto il 19 dicembre 2019. Si tratta di Leo Gassmann, Fadi, Marco Sentieri, Fasma ed Eugenio in Via di Gioia. Matteo Faustini e il duo Gabriella Martinelli e Lula sono usciti da Area Sanremo, Tecla Insolia dal talent Sanremo Young. Tre le giurie, più l’orchestra, che dovranno votare le canzoni in gara decretando i vincitori del Festival. Durante la prima e la seconda serata dodici Campioni e quattro Nuove Proposte vengono votati dalla Giuria Demoscopica.

La serata di giovedì, la terza, è dedicata alle cover di brani storici del Festival, eseguite dai 24 Campioni e votate da musicisti e coristi dell’orchestra. Venerdì i big vengono votati dalla Giuria della Sala Stampa, Tv, Radio e Web, mentre un sistema misto con i voti di Giuria Demoscopica, Giuria della Stampa e Televoto decreterà il vincitore della categoria Nuove Proposte.

Lo stesso sistema misto definirà la classifica dei 24 Campioni nella finale di sabato; i primi tre saranno quindi sottoposti a nuova votazione per eleggere il vincitore del Festival.

Ad accompagnare ogni sera Amadeus sul palco dell’Ariston diverse donne del mondo dello spettacolo: Diletta Leotta (martedì 4 febbraio e sabato 8), Rula Jebreal (martedì 4), Emma D’Aquino (mercoledì 5), Laura Chimenti (mercoledì 5), Georgina Rodriguez (giovedì 6), Alketa Vejsiu (giovedì 6), Antonella Clerici (venerdì 7), Francesca Sofia Novello (venerdì 7 e sabato 8), Sabrina Salerno (sabato 8 e forse un’altra serata) e Mara Venier (sabato 8).