Sanremo 2020, Morgan e la squalifica: “Bugo voleva liberarsi di me, sciacallaggio”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Febbraio 2020 8:26 | Ultimo aggiornamento: 8 Febbraio 2020 13:26
Morgan e Bugo squalificati a Sanremo 2020: Mi sono liberato di lui

Morgan e Bugo squalificati a Sanremo 2020: Mi sono liberato di lui (Foto da ANSA)

ROMA – Squalificati in diretta sul palco dell’Ariston durante il Festival di Sanremo 2020. Morgan e Bugo sono stati protagonisti di una scena davvero imbarazzante. Durante la canzone “Sincero” con cui erano in gara, Morgan ha iniziato a cantare un testo offensivo nei confronti del collega, che ha abbandonato il palco, con il presentatore Amadeus che non ha potuto fare altro che sancire la squalifica.

Intervistato da Repubblica, Morgan spiega come si è arrivati alla squalifica di entrambi sottolineando che è stato proprio lui a decidere di portare Bugo a Sanremo, scrivendogli una canzone. Un gesto per ringraziare un amico di cui apprezza il lavoro e che gli è stato vicino nella situazione della casa e dello sfratto: “Ma non mi sarei mai aspettato che un gesto di bontà da parte mia sarebbe stato ricambiato con una situazione di sciacallaggio. Bugo è caduto vittima di una gestione che lo ha caricato a molla contro di me”.

Marco Castoldi, vero nome di Morgan, spiega che Bugo ha smesso di parlargli, tanto da “voler presente il suo manager a ogni nostro incontro”: “Io ho cercato di appianare la situazione, ho scritto messaggi, tentato in tutti i modi, ma alla fine tutto si è rotto”.

La sera dei duetti, Bugo ruba la scena a Morgan. Prende il microfono e della canzone di Endrigo inizia a cantare anche strofa e ritornello che non spettavano a lui nel duetto. “Come quei dilettanti che vogliono andare avanti a tutti per farsi notare e fare i protagonisti. E’ stato un gesto di sfida nei miei confronti, un affronto che ha fatto a me”.

Un affronto che Morgan non ha preso affatto bene, ma non era arrabbiato: “Ma no, ho pensato ‘che tristezza’. Lui era arrabbiato, era alterato con me, ho capito che era vero quello che già avevo pensato nel pomeriggio con il problema delle prove: lui voleva liberarsi di me. Ma allora ho pensato a una contromossa”.

Ed è così che Morgan ha meditato vendetta. Prima voleva dare la canzone al pubblico in sala, per fargliela cantare in versione karaoke. Poi ha deciso per cambiare le parole: “Pochi minuti prima di andare in scena ho pensato che la gente la canzone l’aveva sentita una volta sola, non la sapeva, non avrebbe potuto cantarla e quello che avevo immaginato non sarebbe riuscito. Quindi, pochi minuti prima di salire in scena, ho cambiato il testo, l’ho finito sulle scale dietro al palco. Il testo è mio, l’ho scritto io e io lo cambio come voglio…”.

Si arriva al momento dell’esibizione. Morgan entra sul palco dell’Ariston dopo essere stato chiamato da Amadeus, Bugo lo segue dopo e si ritrova davanti alla sorpresa: “Si, ho preso il testo originale e ne ho invertito il senso, ho semplicemente messo un sensore negativo e gliel’ho cantato. Lui si è spaventato ed è andato via. Ma poteva coglierne l’ironia”.

Per Morgan quindi “lui voleva liberarsi di me e io mi sono liberato di lui e l’ho fatto con le parole”. Cambiare il testo in corsa, anche se Bugo fosse rimasto, li avrebbe squalificati ugualmente, ma al cantante non interessa: “Ma non fa niente, alla fine a me non interessa di essere qui dentro, mentre a lui si”. (Fonte Repubblica)