Sanremo 2020, Rula Jebreal devolve metà del compenso a Nadia Murad, yazida violentata dall’Isis

di redazione Blitz
Pubblicato il 4 Febbraio 2020 14:26 | Ultimo aggiornamento: 4 Febbraio 2020 14:28
Sanremo 2020, Rula Jebreal devolve metà del compenso a Nadia Murad, yazida violentata dall'Isis

Sanremo 2020, Rula Jebreal devolve metà del compenso a Nadia Murad (Foto Ansa)

SANREMO  –   Rula Jebreal ha annunciato che devolverà a Nadia Murad, giovane yazida violentata dall’Isis (difesa da Amal Clooney) e Premio Nobel per la pace 2018, metà del compenso che percepirà per la partecipazione al Festival di Sanremo martedì 4 febbraio. La giornalista lo ha reso noto durante la conferenza stampa al Roof Ariston, senza comunque fare cifre “perché è questione riservata”, ha detto. 

A proposito di compensi alle donne, Jebreal ha sottolineato che in genere nel mondo del lavoro sono inferiori del 25% a quelli corrisposti agli uomini, chiedendosi “perché ancora oggi, nel 2020, la situazione sia questa”. Inoltre ha evidenziato che del suo compenso si è cominciato a parlare “ancora prima di fare la trattativa, era sulla stampa e mi chiedo perché si usi la stampa per parlare di queste cose”. Ed ha anche detto che “per venire qui ho preso due settimane di ferie non retribuite, e ripartirò per gli Stati Uniti già domani per tornare ad insegnare Diritti femminili”.

Quanto alla mancata presenza di Michelle Obama al Festival, presenza che era stata ventilata da indiscrezioni nelle scorse settimane, Rula Jebreal ha detto “avevo desiderato che ci fosse qui, magari non sul palco per via della sicurezza ma con un collegamento. Vorrei incontrarla per via della sua storia straordinaria”. 

La giornalista era presente alla conferenza stampa insieme a Diletta Leotta, Amadeus e Nicola Savino. “Volevo che fosse un festival femminile all’insegna delle donne e delle storie: sono fiero e onorato di avere tante donne nel mio Sanremo”, ha detto il conduttore Amadeus. (Fonte: Ansa)