Sanremo, Rete giornaliste alla Fornero: "Non spenga la tv, la cambi"

Pubblicato il 17 Febbraio 2012 14:31 | Ultimo aggiornamento: 17 Febbraio 2012 14:33

ROMA – ''Ma dopo 62 anni, le donne sul palco di Sanremo devono ancora essere delle bamboline? Bene fa la ministra Elsa Fornero a puntare il dito sulla cattiva rappresentazione che la televisione fa delle donne''. Lo sottolinea Giulia, la rete delle Giornaliste unite libere autonome, ''nata anche per dire basta all'immagine offensiva e volgare delle donne che i media, e in particolare la televisione, veicolano, da ormai troppi anni e senza remore, non solo nei programmi, nella pubblicita' e nell'attribuzione dei ruoli, ma anche nella gerarchia e selezione delle notizie''.

Alla Fornero, che e' anche ministro delle Pari Opportunita', ''diciamo – prosegue la nota – di non spegnere la televisione ma, di contribuire a cambiarla al piu' presto: a partire dal servizio pubblico che deve essere riformato nel profondo perche' recuperi una missione di servizio alle donne e al Paese: basta con le vallette, le escort, le donne mute esibite solo come corpo, basta con gli sterotipi umilianti e le tribune tutte maschili. Le donne italiane valgono molto di piu' e meritano infinitamente di piu'''.