Santoro, La7? "Perché no, ma restando indipendente"

Pubblicato il 28 Aprile 2012 17:03 | Ultimo aggiornamento: 28 Aprile 2012 22:15

– ROMA, 28 APR – ''Se il mio progetto puo' diventare piu' forte avendo come riferimento piu' solido un editore piu' solido, perche' no, ma deve restare un progetto indipendente''. In questi termini Michele Santoro, ospite oggi a Tv Talk su Rai3, ha risposto a una domanda sulla possibilita' di approdare su La7. ''L'indipendenza – ha ribadito il conduttore di Servizio pubblico – e' un bene che ho conquistato ed e' una conquista definitiva'' e in ogni caso il programma ''andrebbe in onda sempre da altre parti''. Santoro e' partito dalla premessa che la sua vita ''e' cambiata: non tornero' a lavorare per la tv nelle forme in cui ho lavorato precedentemente. Sono ormai un autore indipendente, e' un atto che devo al pubblico: qualunque cambiamento lo discutero' con le persone che hanno finanziato il mio progetto''. ''E poi bisognera' vedere come finisce questa storia della Rai'', ha concluso, riferendosi alla sua candidatura a dg della tv pubblica. ''Monti puo' scegliermi, ho tante qualita'. Una volta tanto si potrebbe scegliere qualcuno che mette un po' di pepe al governo''. .