Sara Manfuso critica Antonella Elia: “Le parole su Taylor Mega? Lei non è che sia un Nobel…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Dicembre 2019 14:50 | Ultimo aggiornamento: 13 Dicembre 2019 14:50
Sara Manfuso critica Antonella Elia: "Le parole su Taylor Mega? Lei non è che sia un Nobel..."

Antonella Elia (foto ANSA)

ROMA – Dopo la polemica per le parole che Antonella Elia ha rivolto a Taylor Mega e alla sorella Giada – durante La Repubblica delle Donne su Rete 4 ha apostrofato più volte la influencer definendola “mignot**” – Sara Manfuso, esponente del Pd, ha scritto una lettera a Dagospia dove ha criticato apertamente la Elia.

“Ho incontrato Antonella Elia la scorsa settimana a colazione fortuitamente in un hotel a Cologno Monzese, vicino gli studi Mediaset: io a un tavolo lei ad un altro. Avevo appena finito una diretta, lei doveva affrontare una registrazione. Rivederla dopo tanto tempo in televisione mi aveva quasi commossa, sono cresciuta con la sua sbadataggine – vera o finta, non l’ho mai capito – e con il suo fare giulivo in abiti succinti tra bronci e rivendicazioni varie al cospetto del grande Mike mentre girava le caselle del tabellone in jeans strizzati e batteva le lunghe ciglia a favore di telecamera.

Ho sempre ritenuto che la sua intelligenza consistesse nel non aver paura di sembrare stupida (o “rimbambita” per dirla con Mike), anzi, nel prenderci tutti per c*lo facendo finta di esserlo. Cosa questa parecchio intelligente.

Le ho fatto i complimenti perché ho pensato: toh, una che non ha paura di tornare in video con lo stesso identico look di un ventennio fa, caschetto biondo platino e aria spaesata, come se il tempo non fosse mai passato. Invece passa e oltre alle rughe (che sono estremamente democratiche anche quando ben stirate) dovrebbe impartire qualche lezione.

Mi chiedo così: se i bikini della Taylor Mega sono diseducativi secondo la bacchettona-Elia (si è definita lei così), cosa c’è di educativo in una signora che chiama pubblicamente “mignot**” una ragazza che potrebbe avere l’età di sua figlia? Poi, non me ne voglia, non è che lei sia un Nobel”.

Fonte: DAGOSPIA.