Sarah Scazzi, Franca Leosini torna stasera in tv: intervista a Sabrina Misseri e Cosima Serrano VIDEO TRAILER

di redazione Blitz
Pubblicato il 11 marzo 2018 16:56 | Ultimo aggiornamento: 11 marzo 2018 23:54
Sarah Scazzi, Franca Leosini torna stasera in tv: intervista a Sabrina Misseri e Cosima Serrano

Sarah Scazzi, Franca Leosini torna stasera in tv: intervista a Sabrina Misseri e Cosima Serrano

ROMA – “Capire, dubitare, raccontare: mai come in questo caso i miei verbi, quelli che frequento di più, come scelta narrativa, etica e di rigore, si sono confermati importanti”. Instancabile indagatrice di anime, scrupolosa narratrice di persone che cadono nel buio della coscienza, Franca Leosini torna stasera, domenica 11 marzo in prima serata su Rai3, e dedica due puntate all’omicidio di Sarah Scazzi, la giovane di Avetrana uccisa a 15 anni il 26 maggio 2010.

Prima di incontrare Sabrina Misseri e Cosima Serrano, cugina e zia della vittima, condannate all’ergastolo e recluse nel carcere di Taranto, la giornalista napoletana ha “studiato 10 mila pagine di processo: non faccio cronaca – spiega – svolgo un percorso che va in profondità nella storia dei protagonisti della vicenda e nell’ambiente in cui si è svolta. Ho disegnato un pannello che affonda le radici non solo nella realtà umana dei personaggi, ma anche nell’humus circostante. La cronaca non ha tempo, mentre io vado in verticale”.

Pur avendo incontrato Sabrina e Cosima separatamente, “perché altrimenti si sarebbero influenzate a vicenda”, Leosini è riuscita a montare però “una sceneggiatura nella quale interagiscono”, intrecciandone le testimonianze. “E’ stato molto difficile non soltanto studiare gli atti, ma anche ricostruire la storia, vederne i risvolti, con luci e ombre, perché è una vicenda particolarmente complessa per la molteplicità e la poliedricità dei personaggi. C’è Sarah, questa creatura sottile come un gambo di sedano, con i capelli biondi come spighe di grano, che a un certo punto scompare. Ci sono Sabrina e Cosima, ma c’è anche Michele Misseri (marito di Cosima, ndr), una figura terza ma anche il motore mobile della vicenda, che parla un linguaggio tutto suo, il misserese.

E poi c’è Ivano, che sarebbe stato il movente della gelosia di Sabrina nei confronti della cugina, “trascinato in una storia in cui non ha responsabilità ma ha un ruolo da protagonista”, spiega Leosini. “E poi la madre di Sarah”.

Due puntate per raccontare “un delitto di cui si sa tanto e poco nello stesso tempo, perché ne esistono tante versioni”, sottolinea Leosini, convinta che “il senso di una storia possa nascondersi nei dettagli. La verità storica e quella processuale non sempre coincidono: i miei interlocutori parlano liberamente, ma io devo sempre tener presente gli atti. Le sentenze in democrazia si discutono, ma bisogna rispettarle”.

Il nuovo ciclo di Storie maledette avrà una terza puntata, “mentre la quarta è caduta – spiega la giornalista – perché il protagonista, un uomo, mi ha chiesto le domande in anticipo. Ma io non patteggio mai nulla: tutto deve essere vero, spontaneo, anche se poi si interviene con il montaggio. E così ho preferito annullare l’incontro, pur avendo lavorato tantissimo”.

Un lavoro preparatorio che passa anche per il solfeggio dei testi: “Per me la parola conta moltissimo, vivo la prosa come musica, ecco perché – spiega Leosini – solfeggio i testi”, raccolti in un librone che è diventato una leggenda.

Solfeggiato era anche il copione del suo intervento sul palco di Sanremo, accanto a Baglioni: “Quando Claudio lo ha visto, non riusciva a crederci. E’ stata un’esperienza straordinaria, ho avuto commenti talmente lusinghieri che Sting, a confronto – dice ridendo – si è rivelato un dilettante”.

Quella maglietta fina di Questo piccolo grande amore trasformata in “storia maledetta” ha rafforzato l’affetto del pubblico per la giornalista, osannata dal web, adorata dai leosiners che sono soprattutto giovani: “E’ una responsabilità, uno stimolo, una motivazione in più. Il successo? E’ una parola effimera. Forse la gente mi ama perché, al di là del mio impegno, sente che sono una persona semplice”.