Storie Italiane, Giacomo Celentano in diretta: “Gesù mi ha guarito”

di Gianluca Pace
Pubblicato il 19 Aprile 2019 14:06 | Ultimo aggiornamento: 19 Aprile 2019 14:06
Storie Italiane, Giacomo Celentano in diretta: "Gesù mi ha guarito"

Storie Italiane, Giacomo Celentano in diretta: “Gesù mi ha guarito”

ROMA – Intervistato da “Storie Italiane”, Giacomo Celentano, il figlio di Adriano che già in passato aveva denunciato di essere stato discriminato nel mondo dello spettacolo perché molto credente, dice che il suo percorso di fede iniziò dopo una malattia:

“Io sono cresciuto in una famiglia cristiana. Ma poi durante il militare abbandonai la fede. Gli anni, guarda caso, più brutti della mia vita”.

“Il mio percorso di fede – racconta ancora  – è arrivato dopo che mi ero ammalato di un’insufficienza respiratoria grave che mi aveva praticamente lasciato da solo. Non potevo cantare. Non potevo fare sport. I miei amici mi abbandonarono. Anche la mia ragazza. Il Signore, e lo dico a posteriori, ha creato attorno a me terra bruciata perché ha capito che era l’unico modo perché io potessi rivolgermi a lui, come io ho fatto”.

“Il messaggio che ho imparato – spiega – è che Gesù è il vero medico del corpo e dell’anima. Dico questo perché io sono stato guarito grazie ad una grazia del Signore Gesù e questa cosa ha rafforzato ancora di più la mia fede in Dio. Era stata una guarigione spirituale ma anche fisica, i medici mi dicevano che non avevo nulla ma io dentro stavo male, e sono guarito solo grazie alla fede”.

Quindi, riassumendo, secondo Giacomo Celentano il Signore, con la esse maiuscola, gli ha creato terra bruciata intorno con la malattia volontariamente. Per farlo avvicinare a lui. E non solo. Sempre secondo Giacomo Celentano il Signore Gesù, sempre con la esse maiuscola, lo ha guarito con una grazia.

Durante quel periodo di malattia Celentano Junior si è sentito lontano anche dalla famiglia: “Si è creata un’incomprensione, per quello che ti ho detto che son rimasto solo, ma questo era lo scopo di Dio”. Fonte: Storie Italiane.