Storie Italiane, Giada De Blanck: “Stalker mi perseguita, trovai una lapide sotto casa”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Novembre 2019 11:12 | Ultimo aggiornamento: 13 Novembre 2019 11:12
Giada De Blanck e lo stalker a Storie Italiane

Giada De Blanck a Storie Italiane (Frame da Rai)

ROMA – Giada De Blanck ospite di Eleonora Daniele a Storie Italiane parla dello stalker che l’ha perseguitata per un anno dopo aver vista all’Isola dei famosi. Un giorno la De Blanck è uscita di casa e ha trovato una lapide, provando molta paura.

Gli episodi risalgono al periodo tra il 2011 e il 2012, dopo la sua esperienza da naufraga al reality show dell’isola, e racconta: “Un giorno mi sono trovata una rosa su un motorino, all’inizio ho pensato a una cosa romantica, dopo un po’ di tempo davanti alla porta di casa ne ho trovata un’altra e ho creduto ad un ammiratore segreto. Dopo 10 giorni sempre davanti casa ho trovato dei pezzi di marmo bianchi, disposti in maniera composta. Non me ne ero accorta:  formavano una lapide”.

L’incubo però era appena iniziato, spiega alla Daniele: “Un giorno ho trovato un walkie talkie con scritto: “Verrò ogni ora sotto la tua finestra dal soffitto bianco. Io abito all’ultimo piano, vuol dire che lui aveva guardato dentro la mia camera, che mi spiava. Dopo tante denunce, a Pasqua, sono arrivati i carabinieri a casa. In quel momento lui mi chiama e loro mi dicono: “Fallo parlare”. Mi dice, sono Christian voglio tenerti qua per un po’ di tempo, con il tempo capirai perché. Perché questo è il loro gioco, il gioco di chi ti perseguita, farti sentire una cosa loro”.

Giada ora ha superato l’incubo e nel 2016 lo stalker è stato condannato, ma dal salotto di Storie italiane lancia un appello alle donne che sono perseguitate: “Non sottovalutate minimi segnali, se avete paura, se qualcosa vi spaventa, denunciate”. (Fonte Rai)